Home | Golf | Campionati Golf 2018 | Golf – Playoffs: nella volata finale c’è anche Francesco Molinari

Golf – Playoffs: nella volata finale c’è anche Francesco Molinari

L’azzurro, settimo al Bmw Championship, è a quattro colpi dal nuovo leader Justin Rose e a tre da McIlroy e da Schauffele

Francesco Molinari, grazie a un ottimo terzo giro in 64 (-6) colpi, è salito dal 20° al settimo posto con 197 (70-63-64, -13) e ha proposto anche la sua candidatura al titolo del BMW Championship, terza delle quattro prove dei PlayOffs, che dovrà designare i trenta giocatori ammessi al Tour Championship (20-23 settembre), il torneo finale dove si assegneranno i dieci milioni di dollari della FedEx Cup al vincitore di una speciale classifica a punti e che concluderà anche la stagione del PGA Tour.
 
Sul percorso dell’Aronimink GC (par 70), a Newtown Square in Pennsylvania, Justin Rose (193 – 66 63 64, -17) con una partenza sprint (sei birdie in nove buche per il 64, -6) ha sorpassato Xander Schauffele (194, -16), raggiunto al secondo posto da Rory McIlroy.
Nella volata finale per il successo ci saranno anche, quarti con 195 (-15), Tommy Fleetwood, decimo giocatore nel circuito a segnare un 124 (due 62) o meno in due turni di fila, e Rickie Fowler, che mai in carriera aveva infilato tre 65 (-5) nei primi tre turni, Keegan Bradley, sesto con 196 (-14), e Billy Horschel, Justin Thomas, campione FedEx in carica, e Hideki Matsuyama che affiancano Molinari.
 
Ha un colpo in più Tiger Woods, 11° con 198 (-12), che ha effettuato un giro senza bogey (66, -4 con quattro birdie), il terzo in poco tempo, dopo che ne aveva almeno uno nello score dal 2015.
Più attardati Jason Day, 15° con 199 (-11), Jon Rahm, 21° con 200 (-10), Bryson DeChambeau, 26° con 201 (-9), che rimarrà leader della FedEx Cup con qualsiasi piazzamento, Brooks Koepka e Dustin Johnson, numero uno mondiale, 33.i con 202 (-8), e Jordan Spieth, 39° con 204 (-6), che se non sale in graduatoria rischia di uscire dalla gara finale per la prima volta in carriera.
 
Justin Rose, 38enne inglese nato a Johannesburg in Sudafrica, che ha già vinto il BMW Championship nel 2011, ha segnato un bogey alla prima buca del torneo, poi ha infilato diciotto birdie senza più sbagliare.
Francesco Molinari, dopo la partenza lenta con il 49° posto, ha rimontato con un 63 (-7, sette birdie) nel secondo turno e ha proseguito la scalata con sei birdie senza bogey.
 
 Graduatoria e punti FedEx 
Con questa classifica rimarrebbe al primo posto della FedEx l’inattaccabile DeChambeau, seguito da Rose, Thomas, Dustin Johnson e Finau.
Molinari resterebbe al 14° e Woods salirebbe del 25° al 24°.
Prima del Tour Championship i punti verranno resettati: si manterrà l’ordine di classifica, con Il primo che riceverà 2.000 punti e a scendere 1.800, 1.520, 1.296 e 1.280 fino ai 115 del 30°.
In tal modo quasi tutti avranno la possibilità di conquistare il jackpot, ma i primi cinque, in caso di vittoria, avranno la matematica certezza di conseguire la FedEx, mentre tutti gli altri dipenderanno dalla posizione di chi li precede in graduatoria.
Da ricordare che nel 2011 Bill Haas conquistò la FedEx partendo per l’atto conclusivo dal 25° posto.  

Il montepremi è di 9.000.000 di dollari con prima moneta di 1.620.000 dollari.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone