Home | Golf | Campionati Golf 2018 | Golf – Fedex Cup: Tiger Woods spettacolo e leadership

Golf – Fedex Cup: Tiger Woods spettacolo e leadership

Ma Rose e Mcilroy non cedono: nel Tour Championship volata a tre per il titolo – Francesco Molinari al 25° posto

Tiger Woods ha dato spettacolo nel terzo giro del Tour Championship prendendo decisamente il comando con 198 (65-68-65, -12) e lasciando a tre colpi Rory McIlroy e Justin Rose (201, -9), numero uno mondiale.
È rimasto al 25° posto con 214 (70-75-69, +4) Francesco Molinari.
Sul percorso dell’East Lake GC (par 70), ad Atlanta in Georgia, nella quarta e ultima gara dei PlayOffs che assegna i 10 milioni di dollari della FedEx Cup al vincitore di una speciale classifica a punti e che conclude anche la stagione del PGA Tour 2017/2018, la corsa al successo sembra circoscritta al trio di testa, poiché sembrano troppi i sei colpi che debbono recuperare Jon Rahm e Kyle Stanley, quarti con 204 (-6).
Al sesto posto con 205 (-5) Tony Finau, Billy Horschel e Paul Casey e al nono con 206 (-4) Dustin Johnson, Justin Thomas e Xander Schauffele, gli ultimi due impossibilitati a difendere i titoli nella FedEx Cup e nel torneo, così come. il deludente Bryson DeChambeau, 21° con 212 (+2), l’attuale prima posizione nella FedEx Cup.
 
 Pensando alla Ryder Cup 
In campo vi sono 17 giocatori che la prossima settimana saranno impegnati nella Ryder Cup a Parigi (28-30 settembre) dei quali undici statunitensi (escluso Jordan Spieth eliminato dalla FedEx) e sei europei.
L’esito di una gara conta relativamente in contesto molto diverso da quello della sfida Europa-Usa, tuttavia va notato come tra i primi sette in graduatoria vi siano quattro componenti della formazione continentale contro il solo Woods per gli americani.
E non sono buoni segni neanche l’ennesima defaillance di DeChambeau nei momenti topici e il penultimo e l’ultimo posto occupati da Patrick Reed e da Phil Mickelson.
 
 L’exploit di Tiger 
Woods ha effettuato una partenza alla vecchia maniera segnando sei birdie sulle prime sette buche e portando il suo vantaggio a cinque colpi su Justin Rose, peraltro brillante nel suo gioco.
L’inglese ha avuto la pazienza di attendere fino ad arrivare alla buca 16 quando il secondo bogey di Woods (contro sette birdie totali, 65, -5) si è combinato con il suo quinto birdie (contro tre bogey per il 68, -2) e il divario si è ridotto a tre colpi che hanno cambiato le prospettive. In extremis, con due birdie, l’altalenante McIlroy si è agganciato a Rose, che con l’attuale classifica vincerebbe la FedEx Cup con Woods secondo e Molinari 19°.
 
«Sì, sono partito bene, – ha detto Woods. – Ho eseguito ottimi putt, ma mi sono procurato tante buone occasioni da birdie. Inoltre erano tutti putt in salita ed è stato veramente bello.
«Mi sentivo come se andassi a ruota libera: entravano tutti.»
Forse il miglior commento lo ha fatto Tony Finau: «Quando ho visto sul leaderboard il sei sotto par su sette buche di Tiger ho pensato all’incredibile».
 
Francesco Molinari ha effettuato il suo primo giro sotto par in 69 (-1) colpi con due birdie, un bogey e un’andatura piuttosto regolare.
Il montepremi è di 9.000.000 di dollari con prima moneta di 1.620.000 dollari.
Il torneo è su Sky.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni