Home | Golf | Campionati golf 2019 | Golf – Al Players Championship Fleetwood e Bradley in vetta

Golf – Al Players Championship Fleetwood e Bradley in vetta

Tiger Woods 35°, Francesco Molinari 70°col par – In buona posizione McIlroy e D. Johnson, in ritardo Rose e Koepka

Tommy Fleetwood e Keegan Bradley sono al vertice con 65 (-7) colpi nel Players Championship (PGA Tour), dove Francesco Molinari, reduce dallo straordinario successo ottenuto la scorsa settimana nell’Arnold Palmer Invitational, è al 70° posto con 72 (par), e Tiger Woods al 35° con 70 (-2).
Sul percorso dello Stadium Course (par 72) al TPC Sawgrass, a Ponte Vedra Beach in Florida, nel torneo considerato quasi come un quinto major, la coppia di testa è tallonata da Brian Harman e da Byeong Hun An (66, -6). In quinta posizione con 67 (-5) Rory McIlroy, Vaughn Taylor e Ryan Moore, autore di una «hole in one», e tra i 22 concorrenti in 13ª con 69 (-3) Dustin Johnson, numero uno mondiale, Jon Rahm e Sergio Garcia.
Insieme a Woods vi sono Bryson DeChambeau e Webb Simpson, che difende il titolo, Justin Thomas è 53° con 71 (-1), e Molinari è affiancato da Brooks Koepka.
Accusano un ritardo già pesante Justin Rose, numero due del world ranking, Phil Mickelson e Rickie Fowler, 104.i con 74 (+2), e Jordan Spieth, 130° con 76 (+4).
 
Tommy Fleetwood ha infilato sette birdie senza bogey e Keegan Bradley ha mantenuto lo stesso passo con un eagle, sei birdie e un bogey.
Tiger Woods, al rientro dopo i problemi al collo, ha giudicato positivo il suo giro soprattutto per quanto fatto sul green dove ha detto che «sta ritrovando la sua naturalezza nei movimenti».
Nel suo score, piuttosto articolato, sei birdie e quattro bogey.
Francesco Molinari ha iniziato con un birdie, poi è tornato in par con un bogey e nelle buche di rientro lo ha mantenuto con due birdie e due bogey.
 
Il colpo del giorno lo ha effettuato Ryan Moore quando ha centrato direttamente dal tee la buca 17, par 3 di 121 yards, utilizzando un wedge.
La palla ha terminato il suo volo colpendo la parte bassa dell’asta e scendendo a bersaglio. Insieme all’ace anche cinque birdie e due bogey.
È la nona «hole in one» nella storia della gara.
L’evento ha il montepremi più alto al mondo, ben 12,5 milioni di dollari con prima moneta di 2.250.000 dollari.
Il torneo è su GOLFTV.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone