Home | Golf | Campionati golf 2019 | Golf – Al via l'83° Masters Tournament di Augusta

Golf – Al via l'83° Masters Tournament di Augusta

Francesco Molinari tra i favoriti insieme a Rose, Johnson, McIlroy, Koepka e Thomas. Tiger Woods punta al 5° successo nel torneo – Difende il titolo Patrick Reed

È ai nastri di partenza l’83° Masters Tournament, il primo dei quattro major stagionali, dove Francesco Molinari sarà uno dei giocatori più attesi alla prova e con le carte in regola per aspirare alla «giacca verde», che sarà indossata dal vincitore. Da giovedì 11 aprile a domenica 14 l’élite mondiale sarà impegnata all’Augusta National, il percorso che il mitico Bobby Jones volle tra i fiori ad Augusta in Georgia.
Difende il titolo Patrick Reed, che non sembra nelle condizioni di concedere il bis dopo dodici mesi senza acuti, mentre i primi cinque del World Ranking competeranno per il doppio obiettivo del successo e del trono mondiale.
Sono Justin Rose, tornato numero uno questa settimana, e Dustin Johnson, Rory McIlroy, Brooks Koepka e Justin Thomas che lo seguono in classifica, tutti in grado di spodestarlo con una vittoria o anche meno. McIlroy, inoltre, imponendosi nell’unico major che gli manca, centrerebbe un altro obiettivo prestigioso, completando il «grande slam».
Poi c’è naturalmente Tiger Woods, che pur non sembrando al meglio, tiene sempre banco e sono in tanti a scommettere, in primis i suoi tifosi, nel suo quinto titolo ad Augusta.
 
Con un field di altissimo livello (87 partecipanti) è sempre arduo avventurarsi in previsioni, tuttavia è lecito attendersi prestazioni di rilevo da Jon Rahm, Bryson DeChambeau, Matt Kuchar, Tommy Fleetwood e da Rickie Fowler, lo scorso anno secondo, senza dimenticare Sergio Garcia, vincitore nel 2017, e altri past winner quali Phil Mickelson, Bubba Watson e Jordan Spieth.
 
La prima di Francesco Molinari all’Augusta National fu nel 2006, come caddie del fratello Edoardo, ammesso per aver vinto l’US Amateur l’anno precedente e in terna con Woods.
«Fu un’esperienza bellissima ed emozionante e vedere giocare il Tiger di quel periodo in diretta fu straordinario. Personalmente mi resi anche conto che sul quel tracciato un caddie fa davvero fatica.»
Dopo sette partecipazioni in cui ha ottenuto il 19° posto nel 2012 quale miglior risultato (20° lo scorso anno) ora l’azzurro si presenta con le credenziali giuste per pensare alla giacca verde.
Le certezze derivano da un major vinto (Open Championhip), dalle prodezze alla Ryder Cup, dalla leadership europea 2018 e dalla nuova stagione iniziata con un titolo (Arnold Palmer Invitational) e con il terzo posto nel WGC Dell che viene considerato un campionato del mondo match play.
Tutto con un gioco brillante, costante e con un putter sempre più caldo.
«Sono certamente in una posizione molto diversa rispetto al passato, – ha detto. – Non posso negarlo. La fiducia nei propri mezzi cresce con i successi e io ne ho raccolti parecchi negli ultimi mesi.
«Credo che la cosa più importante sia quella di non abbassare la guardia e perseverare nel lavoro.»
 
Sono trascorsi quindici anni dal quarto Masters firmato da Tiger Woods, dopo aver iniziato la serie nel 1997.
Ora punta al quinto, anche se le cose per lui, dopo i problemi fisici, sono cambiate e deve gestirsi in maniera molto attenta, ottimizzando ogni sforzo sia sul percorso che in campo pratica.
Le ambizioni, però, sono quelle di sempre.
«Sento di poter vincere e ho già dimostrato di poterlo fare, – ha dichiarato senza girarci intorno. – È la mia mission. Non voglio conquistare il titolo per dimostrare qualcosa a qualcuno, ma solo perché un successo del genere è l’obiettivo di tutti i giocatori.»
 
Justin Rose ritroverà il suo caddy Mark Fulcher, rimasto fuori per tre mesi dopo un intervento al cuore.
«Per me è una cosa veramente bella poterlo riavere a fianco e proprio mentre sono tornato numero uno del ranking.
«Sto sottoponendomi a un lavoro molto duro per trovare la condizione giusta. Negli ultimi tempi ho avuto riscontri molto soddisfacenti.
«Vincere? Certo, mi ritengo in grado, ma a volte non basta solo un gran gioco, serve anche un pizzico di fortuna.»
 
Bryson DeChambeau è sostenuto da un precedente favorevole.
Quest’anno si è imposto nel Dubai Desert Classic (European Tour) come Danny Willett nel 2016 e Sergio Garcia nel 2017, che poi vinsero ad Augusta.
«Sono strane coincidenze ma spero di emularli, – ha detto. – Sono al terzo Masters, so cosa significhi giocarlo e ho la consapevolezza di essere molto migliorato.»
 
Rickie Fowler, battuto praticamente allo sprint lo scorso anno da Patrick Reed, medita rivincita.
«Sono in ottima condizione e conscio di poter giocare bene. Certo, questo non significa vittoria, ma sento di avere delle possibilità, perché sono in grado di competere contro qualsiasi avversario.»
 
 Le partenze 
Francesco Molinari giovedì inizierà il primo giro, insieme a Rafa Cabrera Bello e a Tyrrell Hatton alle ore 19,16 italiane.
Tiger Woods, con Haotong Li e Jon Rahm, partirà alle 17.04 seguito dalla terna Rory McIlroy, Rickie Fowler e Cameron Smith alle 17,15.
Dustin Johnson, Bryson DeChambeau e Jason Day prenderanno il via alle 19,38 e Justin Rose, Phil Mickelson e Justin Thomas alle 19,49.
 
Diretta su Sky.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone