Home | Golf | Golfando con Golser | In viaggio con Lorenzo Golser: «Golf Tour Rabat, Marocco»

In viaggio con Lorenzo Golser: «Golf Tour Rabat, Marocco»

«Non ci sono dubbi: il nostro cuore è rimasto nella Foresta di querce dove si snodano i fairway stretti che costituiscono il percorso Blu»

image

>
Rabat è la Capitale amministrativa del Marocco. Fuori dalle usuali mete turistiche, vanta uno dei più bei percorsi golfistici di tutto il paese, dove solitamente gioca il tre in persona.
Il Royal Dar er Salam ha due percorsi da 18 buche, più un ulteriore 9 buche, tutti immersi nella Foresta di querce da sughero ed eucalipti.
Qui si gioca l’open del Marocco, vinto nel 2017 dal nostro Edoardo Molinari.
 

 
Per arrivarci si prende il volo diretto per Casablanca, che si trova a circa un’ora di macchina da Rabat.
Noi abbiamo soggiornato in un «Riad» all’interno della Medina.
Il Riad di Rabat è molto bello con camere stupendamente arredate in stile marocchino.
Anche la location del campo è stupenda, completata da una Club House moderna e funzionale .
 

 
Purtroppo il percorso rosso era al momento chiuso in preparazione all’Open di aprile.... Un peccato.
Ci siamo cimentati sul percorso blu, che è quello considerato meno bello, ma pur sempre eccellente.
Beh, che dire, campo spettacolare disegnato niente di meno cha da Trent Jones su richiesta del precedente Re Hassan II.
E comunque, il percorso blu da solo vale comunque la gita. Credetemi.
 

 
Per farsi perdonare del l’inconveniente ci hanno proposto l’opportunità di giocare su un nuovissimo percorso a pochi chilometri di distanza, direttamente affacciato sull’oceano, il golf Plage Du Nation.
Disegnato da Colin Montgomerie è inserito in un grande complesso immobiliare.
Campo bello con manutenzione perfetta, anche se la vista spesso spazia su cantieri ancora aperti.
Non ci sono dubbi: il nostro cuore è rimasto nella Foresta di querce del Blu e i fairway stretti che la percorrono.
 

 
Ci siamo stati altri tre giorni a giocare ed allenare il nostro swing.
Abbiamo trovato anche il tempo per la visita delle principali attrazioni della città. Incredibile la vita e la quantità di persone che ogni giorno si muovono al suo interno.
Il tempo è volato e siamo già alla fine della settimana.
Come ultima giornata si è svolta una gara 4 palle la migliore formula stableford.
 

 
 Questa la classifica 
1ª squadra class. 43 pt
1. Mario Pettenuzzo
2. Marco Poggi
3. Luciana Carli
 
2ª squadra class. 43 pt
1. Mario Fior
2. Corrado Rava
3. Gianni Pastorino
 
1ª squadra lady 41 pt
1. Elisabetta Fadel
2. Barbara Bertozzi
3. Lucia de Cesco
 
Concludendo, Rabat vale sicuramente l’organizzazione di una gita golfistica ad hoc.
Si tratta di uno dei più campi che ho mai visto. Torneremo sicuramente anche per giocare anche sl percorso Rosso.
 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni