Home | Interno | La situazione della qualità dell’aria in Provincia di Trento

La situazione della qualità dell’aria in Provincia di Trento

I dati sulle polveri sottili forniti dall’APPA a latere della presentazione della campagna di sensibilizzazione


Nerlla foto, il direttore dell'Agenzia per la protezione dell'Ambiente, ing. Fabio Berlanda.
 
Per i principali inquinanti atmosferici la normativa stabilisce limiti di concentrazione, a lungo e a breve termine, a cui attenersi, al fine di salvaguardare la salute e l’ambiente.
In particolare, per la maggior parte di essi (ossido di carbonio, biossido di zolfo, benzene ed i metalli) in Trentino la situazione è da tempo più che positiva, con il raggiungimento ed il rispetto di tutti gli obiettivi di qualità dell’aria.
 
Anche i dati del particolato sottile PM2.5, nuovo ed importante parametro introdotto dall’ultimo decreto sulla qualità dell’aria, la cui misura è ormai disponibile in gran parte della stazioni di misura della rete di monitoraggio provinciale, stanno evidenziando valori confortanti e concentrazioni diffusamente ben inferiori ai valori limite.
In questo quadro complessivamente positivo ed in tendenziale continuo miglioramento, rimangono però ancora alcune criticità relativamente al particolato sottile ed agli ossidi di azoto.
 
Per quanto riguarda il particolato sottile PM10 infatti, seppure ormai dal 2009 le concentrazioni si siano mantenute costantemente al di sotto dei limiti annuali, non è tuttavia ancora possibile ritenere del tutto superato il rischio che situazioni critiche si possano ripresentare.
I dati delle stazioni di monitoraggio evidenziano infatti, soprattutto in alcuni periodi dell’anno e particolari situazioni meteo-climatiche, ancora momenti di relativo alto inquinamento cui è necessario porre attenzione.
 
Prova ne sia l’aumento degli episodi di superamento annui del limite di media giornaliera per il PM10 (50 g/m3) nel 2011 rispetto al biennio precedente:
 

 

Numero di superamenti media giornaliera PM10

(limite annuale: 35)

 

2011

2010

2009

2008

2007

2006

Trento

45

33

16

43

84

89

Piana Rotaliana

19

13

10

n.d.

n.d.

n.d.

Rovereto

21

21

16

40

57

78

Borgo Valsugana

46

31

18

40

72

108

Riva del Garda

27

18

21

38

71

93

Per quanto riguarda infine il biossido di azoto (inquinante principalmente dovuto al traffico), nelle stazioni di fondo urbano la situazione è positiva e rispetta diffusamente il limite previsto a far data dall’1 gennaio 2010.
Nelle stazioni di traffico, però, il trend delle concentrazioni appare anch’esso in calo, ma il limite di media annuale non viene ancora rispettato.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni