Home | Interno | Catullo e Trentino, insieme per volare verso le Olimpiadi

Catullo e Trentino, insieme per volare verso le Olimpiadi

Fugatti: «Una partita strategica che richiede strategie su ampia scala per rendere i territori protagonisti del proprio futuro» – La scheda dell'aeroporto

Il Trentino da sempre declina il termine confine con opportunità. Vale sia guardando al Nord, come pure al Sud e ovunque stia attorno a noi.
Per questo la partnership con l’aeroporto Catullo - nella cui compagine la Provincia ha da tempo investito - è, per rimanere in tema, lo scalo ideale da dove partire verso una meta ambiziosa: le Olimpiadi invernali del 2026.
Sta in questo passaggio, sottolineato dal presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti nella conferenza stampa da poco terminata presso l’aeroporto scaligero, il senso di un’operazione che accorcia, per così dire, le distanze accogliendo le migliaia di passeggeri che atterrano a Verona con un benvenuto tutto trentino.

«L’obiettivo che ci siamo ripromessi – ha aggiunto l’assessore al turismo, Roberto Failoni – è quello di raccontare il nostro territorio, tenendo presente che non c’è solo la pur rilevante componente turistica fra i frequentatori di questo aeroporto, ma anche moltissime persone che viaggiano per affari o per studio e lavoro che contiamo di intercettare con la nostra proposta.»
Il cammino è lungo, la méta come detto è quella olimpionica.

E già si affaccia una prospettiva che va oltre al marketing e tocca il tema delle infrastrutture e dei trasporti, con un ruolo in primo piano per l’opzione ferroviaria.
«Progetti ed investimenti – fa sapere il presidente Fugatti – devono avere come prima caratteristica la sostenibilità, tanto finanziaria quanto ambientale.
«Le premesse ci sono, ma intanto ringraziamo Verona e il Catullo per la sensibilità dimostrata. Non era scontato ma, per fortuna, ha vinto la filosofia che il sindaco Sboarina ha ben sintetizzato.
«Più ci promuoviamo, più tutti ne avranno un vantaggio. La gente si muoverà e saprà cogliere le opportunità offerte dai territori.»
«Se collaboriamo bene – ha concluso Fugatti – sarà a vantaggio anche di tante altre partite importanti che già ciascuno sta vedendo al proprio orizzonte.»

La scheda.


Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni