Home | Interno | Il Cervello a... colpo d’occhio

Il Cervello a... colpo d’occhio

Uno studio coordinato dall’Università di Trento ha analizzato la correlazione tra i movimenti oculari e l’attività cerebrale a riposo

Gli occhi sono sempre in movimento, anche quando sembrano a riposo, e possono rivelare molte informazioni sul dinamismo del cervello. Per questo da anni sono un oggetto di indagine sul quale si concentrano le neuroscienze per misurare l’attività cognitiva.
Si inserisce in questo ambito di ricerca uno studio pubblicato sulla rivista Network Neuroscience, che vede tra gli autori Uri Hasson e Giuseppe Notaro, docenti del Centro interdipartimentale Mente/Cervello di UniTrento, con Cemal Koba, laureato magistrale in Scienze cognitive all’Ateneo di Trento.
Se da tempo si è dimostrata la correlazione tra i movimenti oculari e lesioni cerebrali e varie forme di autismo e di schizofrenia, ora il lavoro di Hasson e Notaro dell’Università di Trento nell’ambito di una collaborazione scientifica internazionale approfondisce il legame con la connettività neuronale e apre prospettive future per meglio interpretare i dati della risonanza magnetica e per diagnosticare eventuali disturbi in fase precoce.
 
«Nel nostro studio sperimentale abbiamo tracciato il movimento oculare di persone che fissavano il centro di uno schermo con minimi spostamenti dello sguardo» raccontano.
Riprendono: «Dall’analisi delle loro risonanze magnetiche, abbiamo trovato che i piccoli movimenti oculari spontanei erano associati a parametri dell’attività del cervello delle aree deputate alla vista e al movimento e che causavano gradi diversi di connettività e di capacità di coordinamento tra le aree interessate.»
Il contributo dello studio pubblicato sulla rivista Network Neuroscience – spiegano Uri Hasson e Giuseppe Notaro - consiste nell’aver individuato una chiave per decodificare i dati della risonanza magnetica in modo diverso. E sulle prospettive che si aprono in futuro, citano la ricerca applicata alle diagnosi precoci di malattie neurodegenerative come le demenze.
«Ricerche che - dicono - richiederebbero una continuità di lavoro per i prossimi 3-5 anni».
 
  L’articolo 
L’articolo, dal titolo «Spontaneous eye-movements during eyes-open rest reduce restingstate-network modularity by increasing visual-sensorimotor connectivity», è stato scritto da: Uri Hasson, Corresponding Author, e Giuseppe Notaro (Centro interdipartimentale Mente/Cervello, Università di Trento) con Cemal Koba, primo autore, (IMT School forAdvanced Studies, Lucca), Sandra Tamm e Gustav Nilsonne (Department of Clinical Neuroscience, Karolinska Institutet, Sweden).
Pubblicato il 9 febbraio 2021 sulla rivista «Network Neuroscience», è disponibile in Open Access su: https://www.mitpressjournals.org/doi/abs/10.1162/netn_a_00186
(https://doi.org/10.1162/netn_a_00186)

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni