Home | Interno | I «Tesori del Trentino» riempiono i vuoti minerari di dolomia

I «Tesori del Trentino» riempiono i vuoti minerari di dolomia

Dopo le mele Melinda, anche le bottiglie dello spumante trentino tutelato da Trentodoc vengono accolte all’interno dei vuoti minerari del gruppo miniera San Romedio

image

>
Una fitta rete di gallerie che si estende per oltre 10 chilometri, circa 600.000 metri cubi, a 300 metri sottoterra nelle Miniere di San Romedio in Val di Non.
Qui all’interno dei cunicoli scavati da Gruppo Miniera San Romedio per l’attività estrattiva della roccia Dolomia, 190.000 metri cubi sono già occupati dalle mele Melinda.
Dopo il primo impianto al mondo per la frigo-conservazione di frutta in ambiente ipogeo, si presenta un’altra opportunità per il territorio, quella di offrire spazi idonei allo stoccaggio di un primo lotto di circa 2 milioni di bottiglie di spumante Trento DOC, che potranno beneficiare del microclima naturale di queste cantine ipogee per l’affinamento sui lieviti di questo prodotto ad una temperatura costante e ideale in tutte le stagioni.
«Le miniere di San Romedio, a 300 metri di profondità nella roccia Dolomia, creano il microclima perfetto per la conservazione dei prodotti vinicoli con temperatura costante, buio e protezione dagli eventi atmosferici. – afferma Roberto Covi, Amministratore Delegato di Miniera San Romedio Srl – Sogniamo una cittadella sotterranea con i migliori prodotti del nostro territorio, un sito unico per comunicare i valori del Trentino.»
 

 
All’interno delle celle ipogee, le bottiglie di spumante Trento DOC possono rimanere per tutti gli anni necessari in un ambiente naturale che non necessita né di isolamento né di condizionamento.
Grande vantaggio che va anche a beneficio di Gruppo Miniera San Romedio: dalle analisi eseguite in collaborazione con l’Università di Trento è risultato che, grazie al riuso dei vuoti, la produzione ha un impatto inferiore del 75% rispetto ai materiali per l’edilizia tradizionali.
Il progetto ipogeo ha avuto inizio nel 2004 con una fase di ricerca mineraria che si è conclusa nel 2007. Da lì in poi è cominciata l’estrazione vera e propria: custode di un secolo di storia e di tradizione nella cultura nelle costruzioni, Gruppo Miniera San Romedio intende continuare a fornire l’inerte di cui necessita lo stabilimento per la produzione dei premiscelati Tassullo, in modo completamente sostenibile, rigenerativo e indipendente dalle forniture esterne.
 

 
Un contesto geologico unico, nelle Miniere di San Romedio, infatti la dolomia estratta è completamente asciutta, grazie alla roccia formatasi in epoca più recente, che rende l’area completamente impermeabile, prevenendo le possibili infiltrazioni dall’esterno.
Un aspetto molto importante che permette di utilizzare direttamente il materiale estratto senza il bisogno di ricorrere a costosi e impattanti sistemi di essiccazione, necessari invece nel caso di materiali provenienti da cave esterne o non protette. Inoltre, la dolomia ha una resistenza mediamente del 30% più elevata rispetto ai materiali utilizzati dalla concorrenza.
A fianco dell’attività estrattiva, la ricerca mineraria, portata avanti in questi ultimi anni, promuove lo studio di soluzioni innovative finalizzate al riutilizzo dei vuoti minerari con una particolare sensibilità verso l’integrazione della propria attività industriale con le necessità ambientali.
 

 
La realizzazione di centri di conservazione e affinamento in ambiente ipogeo permetterà di ridurre la costruzione di capannoni esterni e dei relativi impianti di climatizzazione e controllo dell’umidità con un sensibile beneficio per l’ambiente.
Un frigorifero naturale nascosto dentro le Dolomiti in cui oggi sono conservati due tra i prodotti più preziosi del Trentino e che presto potrebbe accogliere altri prodotti e servizi del territorio: è prevista infatti la realizzazione di un centro per la maturazione dei formaggi trentini e l’installazione di un Data Center.
La messa a punto di questo nuovo sistema permetterà quindi a Miniera San Romedio di valorizzare i propri spazi sotterranei già esistenti, producendo materiali edili all’avanguardia con materie prime naturalmente perfette, estratte in modo sostenibile e rigenerativo.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni