Home | Interno | La Polizia locale: «dignità per chi lavora e rispetto della divisa»

La Polizia locale: «dignità per chi lavora e rispetto della divisa»

Emilio Giuliana: «Basta accanimento contro i commercianti, coprifuoco e sanzioni illegittime, più dignità per gli agenti che operano in questo regime»

«Basta costringere gli agenti a fare infiniti controlli e multe covid ingiuste, non proporzionali alla gravità di quanto commesso e in contrasto con la costituzione quando il degrado e l'immigrazione tengono intere zone della città in assedio.»
Il «J’accuse!» proviene dal segretario UGL Trentino Emilio Giuliana.

Serve cambiare subito. la professione dell'agente di polizia locale è mutata rispetto al passato ma viene regolamentata dalla legge 7 marzo 1986, n. 65 Legge-quadro sull'ordinamento della polizia municipale, di 35 anni fa.
Non esiste ancora dopo anni di chiacchiere un corpo unitario nazionale, la regolamentazione di questa categoria viene attuata a piacimento dei sindaci, non si è mai riusciti ad avere sul territorio nazionale un'unica divisa ed un'uniformità dei gradi, utile riconoscimento sia per il cittadino che per gli operatori.
Nel problema covid si dibatte sulla legittimità delle sanzioni, questi importi di centinaia di euro sono importi ingiusti, queste sanzioni comunque paiono non proporzionali e far applicare certe leggi pedissequamente agli agenti è scorretto.
Si investa nella vera competenza degli agenti per permettergli di capire cosa stanno facendo.
 
Nel contratto per gli enti locali, a differenza di altri non è prevista la possibilità di poter svolgere a tempo determinato incarichi in altri enti e non è possibile fruire agevolmente delle 150 ore di diritto allo studio per ulteriori corsi, diplomi e master se si ha già completato dei percorsi precedentemente.
Avere personale preparato e sempre più specializzato ed aggiornato dovrebbe essere primario interesse dell'amministrazione e non va ostacolato. L'attività dei vigili vada a favore della tutela della sicurezza del cittadino con presidio delle zone ad alto tasso di micro-criminalità.
 
«È una cosa indecente che per avere delle Bodycam per gli agenti si parli da anni senza arrivare ad un risultato! almeno si autorizzi ciascuno degli operatori a dotarsene privatamente.
«Il problema sicurezza è evidente a tutti da anni, risultati non ne sono arrivati, si consideri che la polizia locale è fondamentale anche per garantire questo ruolo sociale.»
 
Non più solo compiti legati alla gestione della viabilità, ma attività per maggiore sicurezza de i cittadini. La Polizia locale può assumere la figura di primo piano anche come forza di Polizia per numeri e presenze.
Qui in trentino molti cittadini si chiedono come mai vengono fatte le sanzioni previste dalle normative covid-19 e non si riesca ad intervenire con pari rigore contro lo spaccio ed il degrado.
Molte volte si è parlato di una scuola di Formazione e Specializzazione per Agenti di Polizia Locale con il compito di istruire gli Agenti ma non si è mai riusciti a vederla concretamente realizzata.
Il settore della polizia locale si caratterizza da sempre per un certo turnover, già a partire delle carriere iniziali, sia per intercambio tra comandi con motivazioni legate agli spostamenti casa-lavoro, che per cambiamento di professione.
 
Si deve intervenire in questa situazione partendo per non disperdere risorse ed investimenti spesi nella preparazione e rendere l'attività lavorativa più soddisfacente per gli operatori.
Nelle selezioni interne per le progressioni di carriera va dato assolutamente un punteggio per coloro che hanno interesse a continuare ad aggiornarsi e formarsi, migliorando il proprio curriculum anche tramite i vari nuovi percorsi di studio universitari.
Il Comune di Trento ha un nuovo e ragionevole Comandante che ha espresso chiaramente la volontà di migliorare il Corpo, lo si aiuti in questo compito. La politica si deve attivare.
Avere personale formato sia una priorità dell'amministrazione! Si riparta dalla professionalità e formazione degli agenti, meritocrazia, valorizzazione titoli di studio e non sia la carriera legata alla sola anzianità di servizio!

Il segretario UGL Trentino
Emilio Giuliana

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande