Home | Interno | «Più filiera corta, più innovazione per le imprese locali»

«Più filiera corta, più innovazione per le imprese locali»

UniTrento lancia due sfide agli studenti nell’obiettivo di costruire la futura Università europea, più innovativa e vicina alle esigenze delle comunità che le ospitano

Due nuove sfide, due problemi concreti da risolvere proposti da importanti realtà del territorio, mettendo in pratica le competenze sviluppate in aula.
Anche l’Università di Trento partecipa alla nuova stagione di sfide proposte ogni sei mesi agli studenti e alle studentesse degli atenei più dinamici e innovativi che fanno parte della rete europea ECIU University.
Un percorso in cui ci si forma e ci si mette al lavoro direttamente su casi concreti, per tentare di dare soluzioni efficaci ed attuabili a istituzioni e aziende che hanno una qualche esigenza da gestire.
Per il prossimo semestre l’Università di Trento propone due sfide e lo fa coinvolgendo importanti partner del territorio.
 
I destinatari delle sfide sono tutti gli studenti e le studentesse dei 12 atenei della rete ECIU: Aalborg University (Danimarca), Dublin City University (Irlanda), Hamburg University of Technology (Germania), Institut National des Sciences Appliquées - INSA Group (Francia), Kaunas University of Technology (Lituania), Linköping University (Svezia), Tampere University (Finlandia), Universitat Autònoma de Barcelona (Spagna), University of Aveiro (Portogallo), University of Stavanger (Norvegia), University of Trento (Italia), University of Twente (Paesi Bassi).
From Farm to Fork – La prima delle due sfide è lanciata in collaborazione con il Comune di Trento e si propone di organizzare e gestire la distribuzione e la consegna di prodotti agricoli coltivati da aziende locali. Obiettivo della sfida è quello di contribuire a sostenere le coltivazioni locali a km zero e promuovere uno stile di vita e un consumo alimentare sano.
 
Per farlo verrà chiesto agli studenti di identificare un target specifico di consumatori e di trovare soluzioni innovative per accorciare la filiera della distribuzione favorendo il contatto diretto, specialmente attraverso canali di comunicazione non convenzionali, tra produttori e clienti.
Le candidature per partecipare nei team studenteschi si sono aperte in tutti gli atenei della rete e si concluderanno il 20 settembre.
La partecipazione prevista è di una ventina di studenti e studentesse da tutti gli atenei, da suddividere in squadre.
 
Il lavoro si svolgerà nell’arco di quattro settimane, per la maggior parte a distanza. L’ultima settimana di lavoro si terrà invece in presenza a Trento.
La sfida verrà presentata ufficialmente verso metà novembre e si concluderà, dopo il lavoro del gruppo studentesco internazionale verso la metà di dicembre.
A vincere sarà il team che svilupperà l’idea migliore offrendo un piano concreto di attuazione.

 Help SMEs play the Innovation game  
La seconda sfida è proposta dall’Università di Trento insieme a Digital Innovation Hub Trentino Alto Adige, centro che si occupa di guidare le aziende, soprattutto di piccola e media dimensione, sulla strada dell’innovazione 4.0, della trasformazione digitale e della crescita sostenibile.
Proprio sulla capacità di Digital Innovation Hub di sostenere le imprese locali si gioca la sfida. Gli studenti e le studentesse della rete ECIU che parteciperanno dovranno trovare un modo efficace per rafforzare il ruolo di DIT come ponte tra il mercato in continua evoluzione dell’innovazione 4.0 e le piccole e medie imprese. Queste ultime infatti spesso si fanno trovare poco preparate all’appuntamento a causa di ritardi o mancati investimenti in ricerca e sviluppo.
La sfida durerà cinque settimane tra momenti di aula e di lavoro di gruppo. Le domande di partecipazione sono aperte e possono essere presentate fino al 20 settembre. Entrambe le sfide, come del resto tutte le sfide proposte dalla rete ECIU, si tengono in lingua inglese.
 
 Le sfide concluse  
Con la presentazione di queste due nuove challenge UniTrento rafforza il suo impegno nelle iniziative legate alla rete ECIU di cui fa parte.
Le sfide precedenti, condotte nel corso dei semestri precedenti hanno visto la collaborazione dell’Ateneo trentino con Sanifonds e con HIT Hub Innovazione Trentino e si sono concluse con buoni risultati di partecipazione e soluzioni interessanti da sviluppare per le due realtà.
 
 A proposito di ECIU  
ECIU University è una delle alleanze di atenei europei sostenute dalla Commissione Europea all’interno del Programma Erasmus+ in cui studenti e studentesse, ricercatori e ricercatrici lavorano assieme alle amministrazioni e alle imprese per risolvere sfide reali.
Questo innovativo modello di università è stato lanciato nel novembre 2019 dal Consorzio europeo di università innovative – European Consortium of Innovative Universities, ECIU – di cui l'Università di Trento è orgogliosa di far parte.
L’obiettivo delle istituzioni partecipanti è di dare vita a una nuova idea di università europea, che si spinga oltre i programmi di mobilità Erasmus e le consuete relazioni internazionali.
Per farlo, servono nuovi metodi accademici, di ricerca e di trasferimento della conoscenza che siano più flessibili, internazionali e fondati sulla risoluzione di problemi concreti.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande