Home | Interno | Roberto Calderoli in visita alla Provincia autonoma di Trento

Roberto Calderoli in visita alla Provincia autonoma di Trento

L'occasione dell'incontro è stata la ripresa dell'attività della Commissione dei Dodici

In vista della ripresa dell’attività della Commissione dei Dodici, nel pomeriggio di oggi il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti ha ricevuto la visita del vicepresidente del Senato Roberto Calderoli - membro della Commissione nominato recentemente dal Governo - e il presidente uscente Fabio Scalet.
All’incontro hanno preso parte anche l’assessore provinciale all’istruzione Mirko Bisesti, il direttore generale della Provincia Paolo Nicoletti e la dirigente generale del Dipartimento affari e relazioni istituzionali Valeria Placidi.
 
Al centro del confronto, i temi di attualità di maggiore rilevanza quali le norme di attuazione sui giudici di pace e sugli orari delle attività commerciali, sulle quali i rappresentanti istituzionali si sono trovati in sintonia.
L’occasione è stata anche quella di affrontare le tematiche finanziarie e in particolare la situazione che vede la Provincia di Trento, al pari di quella di Bolzano, impegnata a farsi riconoscere dallo Stato una serie di imposte finanziare che, complessivamente, ammontano a circa 500 milioni di euro, per le quali fino ad ora il Governo ha stanziato la cifra di 60 milioni di euro e altrettanti per l’Alto Adige.
 
Va ricordato che i ministri Roberto Calderoli (Riforme Istituzionali) e Giulio Tremonti (Finanze e Economia) avevano concluso con l’allora presidente della Provincia autonoma di Trento il noto «Accordo di Milano», in virtù del quale si tagliavano alle province di Trento e di Bolzano alcune entrate straordinarie ma si consolidavano le entrate relative ai 9 decimi del gettito fiscale dei due territori.
Calderoli avrebbe tagliato ben di più, se non fosse per lo Statuto costituzionale che garantiva il gettito preciso.
Oggi Tremonti ha ricordato l’accordo di Milano come un «atto di benevolenza» nei confronti delle due autonomie. Allora c’era Dellai, oggi c’è Fugatti e le cose cambiano.
Meglio così.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni