Home | Interno | Alex Pellacani confermato direttore generale per altri tre anni

Alex Pellacani confermato direttore generale per altri tre anni

Nella seduta di ieri il Consiglio di amministrazione dell’Università di Trento ha rinnovato l’incarico al direttore generale uscente

Conferma per un nuovo mandato triennale per il direttore generale dell’Università di Trento, Alex Pellacani. Il Consiglio di amministrazione dell’Ateneo trentino, riunitosi ieri a Palazzo Sardagna, ha deciso di rinnovare all’unanimità la fiducia al direttore generale uscente per un altro mandato triennale dal 2022 al 2025.
Originario di Bolzano, alumno UniTrento (laureato in Economia e Commercio), Alex Pellacani ricopre l’incarico di direttore generale dell’Università di Trento dal 2015.

Come stabilito dal Regolamento generale d’Ateneo (art. 28), l’incarico di direttore generale è attribuito dal Consiglio di amministrazione, su proposta del rettore d’intesa con il presidente, a personalità di elevata qualificazione professionale e comprovata esperienza pluriennale in funzioni dirigenziali.
Tra i compiti principali del direttore generale, quello di guidare la gestione e organizzazione degli uffici e dei servizi, del personale tecnico-amministrativo dell’Ateneo e delle risorse strumentali.

Il direttore generale coadiuva, nell’ambito delle proprie competenze, il rettore e gli altri organi di Ateneo nell’esercizio delle loro funzioni e cura, per la parte di sua responsabilità, l’attuazione delle relative direttive e deliberazioni.
Definisce, in linea con il piano strategico di Ateneo, il piano pluriennale di sviluppo e miglioramento della qualità dei servizi tecnico-amministrativi di supporto alle attività istituzionali di Ateneo e rendiconta annualmente sullo stato della sua attuazione.

Svolge funzioni di collegamento e integrazione con gli Organi di governo dell’Ateneo, coordina le sette Direzioni in cui si articola la struttura gestionale e attua i piani, i programmi e le direttive definite da rettore, Consiglio di amministrazione e organi accademici, oltre a mantenere i rapporti con le istituzioni.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande