Home | Interno | Corte costituzionale su Itas, la posizione della Provincia

Corte costituzionale su Itas, la posizione della Provincia

Il presidente Fugatti: «Rispettiamo la sentenza, ma ribadiamo le ragioni della nostra scelta che puntava a sostenere il sistema trentino nel suo complesso»

«Rispettiamo la decisione della Corte costituzionale e la sentenza sul piano del diritto.
«Per quanto riguarda la scelta della Provincia autonoma di entrare all'interno di Itas, ribadiamo le ragioni per cui è stata presa la decisione: ovvero quelle di sostenere un pilastro del sistema economico e sociale del Trentino e, in questo modo, di perseguire uno degli obiettivi istituzionali di un ente pubblico, ovvero di garantire futuro e crescita diffusa ai suoi cittadini e al territorio» – sottolinea il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti rispetto alla sentenza della Corte costituzionale che ritiene non costituzionale l'ingresso della Provincia autonoma nel capitale di Itas.
Alla norma, in ogni caso, non era seguito alcun esborso, quindi le risorse saranno dirottate altrove.
 
«Riteniamo che un ingresso in una società come Itas che, per la sua natura societaria e per la sua mission, rappresenta da oltre 200 anni un elemento di riferimento e di crescita della nostra comunità, avrebbe conseguito l'obiettivo di rendere il sistema economico trentino più forte e di mantenere e distribuire sul territorio benessere e sviluppo.
«L’intento dell'ingresso in Itas non era finalizzato né a distorcere la concorrenza, né a trarre profitti ma puntava a rafforzare il tessuto socio-economico, stante appunto il radicamento storico di Itas sul territorio, rafforzando il patrimonio e così indirettamente potenziare la società a beneficio di migliaia di cittadini» – conclude il presidente Fugatti.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande