Home | Interno | Al via il Convegno «La questione trentina»

Al via il Convegno «La questione trentina»

Questo pomeriggio nella Sala Depero del Palazzo della Provincia a Trento il convegno «La questione trentina: storia e rappresentazioni di un territorio»

image

Giorgio Postal, Mario Tonina, Walter Kaswalder, Giuseppe Ferrandi.

È iniziato questo pomeriggio nella Sala Depero del Palazzo della Provincia a Trento il convegno «La questione trentina: storia e rappresentazioni di un territorio», promosso dalla Fondazione Museo storico del Trentino e dalla Provincia autonoma di Trento nell’ambito del cinquantesimo anniversario del Secondo Statuto d’Autonomia della Regione Trentino Alto Adige/Südtirol.
Il Presidente del Consiglio della Provincia autonoma di Trento Walter Kaswalder ha espresso grande apprezzamento per questa iniziativa, poiché soltanto la conoscenza approfondita della nostra storia, accompagnata dall'analisi dei momenti critici, permette di pensare a un futuro in senso migliorativo.
«L'auspicio è che i lavori di queste giornate, oltre alla doverosa ricostruzione storica, permettano di gettare le basi per un terzo Statuto di autonomia, condiviso dallo stato italiano e da quello austriaco, che realizzi davvero un'Europa dei popoli».
 
Mauro Tonina, Vicepresidente della Giunta provinciale, ha iniziato il suo intervento ricordando la recente scomparsa di Maria Romana De Gasperi, figlia del grande statista Alcide De Gasperi, «a cui tutti dobbiamo un pensiero di affetto e riconoscenza». Ha poi ricordato coloro che hanno gettato i semi della nostra autonomia, «questa pianta così rigogliosa di cui tutti dobbiamo avere cura» e ha sottolineato che in queste importanti giornate di studio sarà compito dei relatori fornire una prospettiva storica autentica, approfondire i temi e fornire interpretazioni; mentre spetterà alle istituzioni cogliere gli spunti per irrobustire la nostra autonomia.
Ha concluso ricordando il significativo percorso delle celebrazioni del cinquantenario del Secondo Statuto che porteranno le riflessioni sull'autonomia fuori dal Trentino, e precisamente a Vienna, presso l'ambasciata italiana, a Roma e a Bruxelles.
Infine Giorgio Postal, presidente della Fondazione Museo storico del Trentino ha definito il convegno di oggi un unicum che chiama in causa percorsi storici non ancora indagati a fondo e spesso controversi, che però sono il fondamento della costituzione identitaria del Trentino.
 
È stato il professor Luigi Blanco, docente di Storia delle istituzioni all'Università di Trento e presidente del Comitato di indirizzo della Fondazione Museo storico del Trentino a introdurre i lavori condividendo alcune riflessioni sulla storia del Trentino nei secoli XIX e XX tra aspirazioni nazionali, dispute identitarie e intrecci autonomistici.
Nella sessione di oggi, presieduta da Mirko Saltori e dedicata al tema della costruzione del Trentino, si sono poi succeduti gli interventi di Marcello Bonazza, che ha parlato di appartenenze e tentazioni identitarie al tramonto dell'Antico Regime, di Mauro Nequirito che ha affrontato la questione dell'identità trentina e dei sentimenti di appartenenza regionale, di Giovanni Kezich, che ha portato la sua visione antropologica del Trentino, e infine Bruno Zorzi che ha parlato del dibattito politico riguardante l'opera di Fortunato Depero.

Il convegno può essere seguito anche online all'indirizzo: https://us06web.zoom.us/j/81306942362?pwd=UTlNMTVDR0dxU1Rha0hpSVFDRWU2dz09

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande