Home | Interno | Torna in Val di Rabbi lo Zicoria FestiVal

Torna in Val di Rabbi lo Zicoria FestiVal

Due weekend di appuntamenti per celebrare le potenzialità della cicoria selvatica e le eccellenze solandre, con aziende agricole, osterie e locali tipici della valle

image

>
Un viaggio multiforme, allegro e rilassante in ossequio al suo filo conduttore: il taràssaco, preziosa erba spontanea dalle note proprietà depurative e calmanti che ne fanno un apprezzato toccasana per l’organismo. Così si presenta l’edizione 2022 dello Zicoria FestiVal di Sole, in programma dal 22 aprile al 1° maggio in Val di Rabbi, situata lateralmente alla Val di Sole e all'interno del settore trentino del Parco Nazionale dello Stelvio. Lanciata nel 2019, la manifestazione vuole essere un’occasione per scoprire le potenzialità di una risorsa diffusa e sorprendente che nasconde segreti ancestrali e affascinanti.
Conosciuta fin dall’antichità – il suo nome, di origine greca, significa letteralmente «rimedio (akos) contro l’agitazione (taraké)» – questa pianta ha assunto con il tempo i nomi più curiosi: dente di leone, dente di cane, soffione, girasole dei prati e, ovviamente, cicoria selvatica o zìcoria, nella parlata degli abitanti della Val di Sole.
 
Molto utilizzato in cucina, il taràssaco trova spazio in un’ampia gamma di piatti – antipasti, insalate, dessert e deliziose frittelle a base di fiori in pastella – e bevande (come decotti e tisane realizzati con le sue radici e le sue foglie). I buongustai ne apprezzano il sapore lievemente speziato, i consumatori più attenti alla salute ne esaltano le proprietà drenanti, depurative, disintossicanti, diuretiche, digestive e antiossidanti.
Dall’aperitivo alla cucina, passando per le immersioni nella natura alla scoperta dei delicati equilibri della flora locale, il programma del Festival si propone così di offrire un’ampia panoramica di tutti gli elementi di interesse che accompagnano una delle piante simbolo del territorio. «L’obiettivo della manifestazione è quello di valorizzare tutte le eccellenze locali legate alla zìcoria», spiega Fabio Sacco, direttore generale dell’APT Val di Sole. «Si tratta, in questo senso, di un progetto a forte carattere partecipativo che attribuisce il ruolo di protagonisti a tutti coloro che rispettano e sperimentano le potenzialità di questa risorsa tanto nel consumo quanto nella creazione di prodotti di alta qualità».
 
Due le finestre del Festival, 22-25 aprile e 29 aprile-1° maggio, e molteplici le attività proposte che includono laboratori creativi, aperitivi, escursioni nei boschi alla scoperta delle erbe e dei fiori locali e molto altro ancora. Le attività si svolgono in collaborazione con aziende agricole, osterie e locali tipici della valle, che ospiteranno visite guidate e degustazioni. Da non perdere, in particolare, il «Mercatino di primavera» in programma domenica 24 aprile in Piazza S. Bernardo, una preziosa occasione per incontrare e conoscere i produttori locali.
Il programma completo della seconda edizione dello Zicoria FestiVal di Sole è disponibile su https://www.visitvaldisole.it/it/eventi/zicoria-festival-di-sole.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande