Home | Interno | Ala vince il Primo Premio per l'Innovazione e Sviluppo

Ala vince il Primo Premio per l'Innovazione e Sviluppo

Un riconoscimento nazionale che premia anni di lavoro: il Comune si è aggiudicato il primo premio nazionale al concorso «Piemonte Innovazione e sviluppo»

image

>
Il premio Piemonte Innovazione e Sviluppo giungeva quest'anno alla sesta edizione; per il primo anno è stato esteso a livello nazionale. Sono stati presentati 325 progetti, con 458 Comuni partecipanti, dalla Sicilia alla Valle d'Aosta. I migliori esempi di innovazione nella pubblica amministrazione erano qui, con storie, iniziative, percorsi intrapresi da realtà più disparate; in gara c'erano grandi città come Genova, Torino o Napoli, così come piccoli o piccolissimi Comuni, Comunità Montane e centri di medie dimensioni.
La premiazione si è svolta a Bergamo, in occasione dell'assemblea nazionale dell'Anci in corso in questi giorni.
 
Il Comune di Ala ha presentato il progetto «Amico in Comune – high tech, high touch. Da un modello burocratico ad un modello che genera valore per la comunità». Raccoglie la «rivoluzione» che è stata operata a quello che era una volta l'Urp comunale, parallelamente alla digitalizzazione dei servizi. In piazza San Giovanni c'è ora lo sportello «p.A.r.LA.», dove si possono fare tutte le pratiche e dove i cittadini sanno anche di trovare aiuto – in particolare chi non è avvezzo al digitale. Ala è stato uno dei primi Comuni a fornire direttamente lo Spid; le pratiche edilizie sono online, con il sistema PagoPA si pagano rette e tariffe; c'è la Stanza del cittadino dove ognuno può accedere tramite Spid e dalla quale si possono accedere a vari servizi (dalla prenotazione delle sale pubbliche alle pratiche) 24 ore su 24, senza spostarsi da casa.
 

 
In parallelo però il Comune ha creato una rete capace di venire in aiuto, in particolare sulla digitalizzazione: una figura dello sportello è proprio «l'Amico in Comune» che è a disposizione per fare queste pratiche ma anche per cose non strettamente legate all'amministrazione comunale, come ad esempio aprire una casella email o prenotare il vaccino anti-Covid. Un operatore che assiste in questo over 70 e neo-residenti, e che in certi casi può anche consegnare alcune pratiche a casa, raggiungendo il cittadino con la bici elettrica.
Questi percorsi e progetti avevano già ottenuto dei riconoscimenti (segnalazioni sul sito del ministro per l'innovazione, menzione alla call to action lanciata dall'Università Bocconi). Oggi Ala è stata premiata come miglior esempio nazionale in campo di innovazione e sviluppo.
 
«Abbiamo fatto dell'innovazione una bandiera – ha detto oggi a Bergamo, alla premiazione, il sindaco Claudio Soini – ma si riesce ad avere questi risultati solo se struttura e parte politica vanno d'accordo e lavorano assieme». Ad aver intrapreso questo percorso con tutta la macchina comunale è stata la segretaria comunale Flavia Brunelli, con l'aiuto dell'ingegner Negro, «consulente» di questo percorso avviato alcuni anni fa. «Abbiamo spinto sulla digitalizzazione – ha detto oggi a Bergamo la segretaria Brunelli - ma abbiamo invertito il paradigma. Non si può imporre la digitalizzazione, non si ha successo se questa viene imposta ai cittadini. Se sei obbligato a fare l'iscrizione al nido online, finisce che non la fai. Se invece trovi in Comune qualcuno che ti aiuta, allora capisci e cogli l'utilità di questa innovazione».

Il Comune di Ala ha ricevuto in premio la somma di 10 mila euro, cifra senza vincolo di destinazione ma l'amministrazione intende utilizzare per restituire alla collettività e altri enti pubblici un lavoro che è replicabile.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande