Home | Interno | Forum sull’acqua all'Università di Trento dal 12 al 14 giugno

Forum sull’acqua all'Università di Trento dal 12 al 14 giugno

Oltre 300 ricercatori e ricercatrici d’Europa si danno appuntamento a Trento per confrontarsi sulle nuove sfide nella ricerca e nell'ingegneria idraulica

Qual è la differenza tra un fiume malato e un fiume in salute? In che modo si può ottimizzare l’energia prodotta dall’acqua? Qual è l’impatto dei cambiamenti climatici sull’equilibrio dell’ambiente? Quali interventi sono più efficaci per prevenire il rischio idrogeologico? Intorno a queste e altre questioni si svilupperà il forum sull’acqua dal titolo «Nuove sfide nella ricerca e nell'ingegneria idraulica», momento di analisi e confronto che vedrà oltre 300 ricercatori e ricercatrici d’Europa all’Università di Trento da martedì 12 a giovedì 14 giugno.
La IAHR (International Association of Hydro-Environment Engineering and Research), infatti, terrà il suo quinto congresso europeo a Palazzo Paolo Prodi (Trento – Via Tommaso Gar, 14).
Martedì 12 giugno alle 9 l’apertura con il rettore dell’Università di Trento Paolo Collini, l’assessore provinciale alle infrastrutture e all'ambiente Mauro Gilmozzi e il sindaco di Trento Alessandro Andreatta.
I lavori, in lingua inglese, articolati in sette sessioni, proseguiranno poi fino a giovedì 14 giugno.
 
La IAHR (International Association of Hydro-Environment Engineering and Research), fondata nel 1935, è un’associazione scientifica internazionale che riunisce chi opera nella ricerca e nella professione in settori legati all’acqua, alle risorse idriche, all'energia idroelettrica, alla difesa del suolo e dell’ambiente.
È la prima volta che il congresso europeo, che ha cadenza biennale, si tiene in Italia. La prima edizione fu nel 2010 a Edimburgo. Quindi le edizioni successive sono state organizzate a Monaco di Baviera, Porto e Liegi con un crescente interesse da parte di partecipanti e aziende del settore.
«L’obiettivo è gettare un ponte tra accademia, il mondo delle professioni e l’industria» spiega Aronne Armanini, professore ordinario di Idraulica al Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e meccanica dell'Università di Trento, coordinatore e responsabile scientifico del convegno, presidente del Local Organising Committee.
Armanini riprende: «Il congresso mira a riunire e mettere a confronto la comunità scientifica, le agenzie pubbliche e private, l'industria e a offrire un forum in cui gli scienziati, soprattutto a inizio carriera, possano presentare i risultati delle loro ricerche e discutere con esperti di idraulica la possibilità di tradurre questi risultati in applicazioni.»
 
Il congresso affronta i temi tradizionalmente collegati all’acqua (idraulica, idrologia, meccanica dei fluidi e costruzioni idrauliche), ma anche le connessioni con morfologia, ecoidraulica, ecologia dell’ambiente acquatico, biofluidi, nuove strategie di difesa contro gli eventi estremi e gli effetti dei cambiamenti climatici.
Le due sessioni plenarie vedranno protagonisti due relatori d’eccezione come Andrea Rinaldo, già professore a UniTrento e ora alla Ecole Polytechnique Federale Lausanne e all’Università di Padova, che interverrà su «River networks as ecological corridors», e Roman Stoker, professore alla Technische Hochschule Zurigo e al M.I.T. (Massachusetts Institute of Technology), che si soffermerà su «Plankton hydraulics».
Le cinque sessioni parallele su argomenti specifici, invece, intendono valorizzare soprattutto i contributi di ricercatori e ricercatrici, professori e professoresse, professionisti e professioniste che presenteranno i lavori di ricerca selezionati nelle scorse settimane dal Comitato scientifico del congresso.
Il quinto congresso europeo di IAHR (International Association of Hydro-Environment Engineering and Research) è organizzato in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e meccanica dell’Università di Trento con il patrocinio della Provincia autonoma di Trento, del Comune di Trento e della Libera Università di Bolzano e con il sostegno di Maccaferri e il supporto di Nortek, Fluxoptica, Aipo Agenzia Interregionale per il fiume Po, Springer, Ing. Paccanelli Servizi & Sistemi, Dolomiti Energia Holding, Redawn Reducing Energy Dependency in Atlantic area Water Networks e media partner Environmental Science: Water Research & Technology.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone