Home | Interno | La memoria dell’emigrazione attraverso le generazioni

La memoria dell’emigrazione attraverso le generazioni

Si è conclusa a Cleveland (Ohio) la convention dell'organizzazione che raccoglie i circoli degli emigrati Trenini-Tirolesi negli Stati Uniti e Canada

Si è conclusa a Cleveland, Ohio, la 23ma edizione della convention di ITTONA, l’organizzazione che raccoglie i circoli degli emigrati Trenini-Tirolesi negli Stati Uniti e Canada.
L’incontro, a cadenza biennale, quest’anno è stato curato dell’«Alpini Trentini Club» di Cleveland guidato dalla presidente Nancee Visintainer che ha aperto i lavori; a seguire il consultore per gli Stati Uniti Luca Dorigatti che ha portato il saluto del presidente della Provincia di Trento Ugo Rossi e il direttore della Trentini nel Mondo, Francesco Bocchetti, che ha curato un’applaudita presentazione del Trentino di oggi.
 
Per l’edizione 2018 sono stati individuati e presentati agli oltre trecento partecipanti tre approfondimenti: «Wreck on the Wabash», a cura di Laurie Perkins, «Folk stories of Trentino» a cura di Mary Beth Moser e «Genealogy» a cura di Ivo Finotti.
«Wreck on the Wabash» è il racconto del disastro ferroviario del 1901 a Seneca, Michigan, nel quale perirono oltre cento immigrati italiani diretti alle miniere del Colorado: clandestini stipati in carrozze merci, non furono all’epoca dei fatti nemmeno contemplati tra le vittime e sepolti in una fossa comune sparirono così per quasi un secolo.
 
«Folk stories of Trentino» è una preziosa pubblicazione che, con un attento e puntuale lavoro di ricerca, rende omaggio alle leggende del Trentino.
L’opera è tutta in chiave femminile e si sviluppa attorno al concetto del filò come luogo fisico e sociale dove racconti, fiabe e leggende si sono sviluppate e tramandate.
«Genealogy» è una dettagliata presentazione che descrive gli strumenti oggi a disposizione per la ricerca dei propri antenati.
La digitalizzazione degli archivi, la loro messa a disposizione tramite gli open data e la diffusione di internet hanno cambiato radicalmente l’approccio, e soprattutto il successo, nella ricerca delle proprie origini.
 
I partecipanti nel corso del weekend si sono confrontati anche sui temi legati alla migrazione attraverso il passare delle generazioni.
Stati Uniti e Canada sono stati luoghi di forte immigrazione da parte di Trentini-Tirolesi fin dal diciannovesimo secolo e la maggior parte dei Circoli è oggi frequentata da seconde e terze generazioni, «americane» quindi a tutti gli effetti che però non vogliono rinunciare alle proprie origini; ha colpito tutti i presenti la più giovane iscritta alla convention: tre anni di età, immigrata tirolese a Solvay, New York, di quinta generazione!
 
Prossimo appuntamento per il 2020: si è proposto per l’organizzazione il Circolo Trentino di Detroit, Michigan.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone