Home | Interno | Contributi alle imprese per l’acquisto di veicoli elettrici

Contributi alle imprese per l’acquisto di veicoli elettrici

La delibera approvata dalla Provincia su proposta dell’assessorato all’ambiente

La Giunta Provinciale ha votato all’unanimità la concessione di contributi alle imprese per l’acquisto di autovetture elettriche e ibride plug-in e di motoveicoli elettrici.
In questo ultimo caso, i motoveicoli dovranno essere di prima immatricolazione, nuovi o semestrali con meno di sei mesi di vita e 6 mila chilometri.
Il provvedimento garantisce fondi pubblici anche nel caso di acquisto di ciclomotori di prima immatricolazione e per interventi di modifica dell’alimentazione di veicoli con motore tradizionale.
Altra categoria di acquisti ammessi a contributo sono quelli di colonnine di ricarica di veicoli e ebike (già oggetto di una precedente delibera).
 
I contributi alle imprese dovranno avere un importo di spesa inferiore ai 300 mila euro e saranno gestiti attraverso il Confidi con il sistema della compensazione fiscale.
In altre paralo, la Provincia autonoma di Trento non effettuerà l’effettiva liquidazione del contributo ma i beneficiari potranno utilizzare l’importo del contributo a deduzione di quanto dovuto per qualsiasi imposto o contributo da versare tramite il modello F24.
I contributi previsti variano in relazione al numero di autoveicoli acquistati nella logica di incentivare la creazione di flotte aziendali sempre più elettriche, tenendo però conto di un tessuto di imprese costituito in Trentino da aziende di piccole dimensioni che hanno una dotazione minima di mezzi.

 L’importo del contributo varierà a seconda dei seguenti casi 
- autoveicoli elettrici, il contributo varia da 4 a 6 mila euro per ciascun veicolo;
- Autoveicoli ibridi plugin varia invece da 2 a 3 mila euro per ciascun veicolo;
- Motoveicoli elettrico, il contributo di 1.500 euro, fino ad un limite massimo pari al 50% del valore della spesa di acquisto;
- Per ogni ciclomotore elettrico ammonta a 750 euro con un massimo del 50% sulla spesa di acquisto;
- Sulle spese per la modifica dell’alimentazione è pari a 5 mila euro della spesa ammissibile;
- Sulle spese per l’acquisto di colonnine di ricarica è, infine, pari al 60% della spesa ammissibile.
 
Nel caso di colonnine per autoveicoli il numero massimo è di 5 colonnine per unità locale e massimo 50 per richiedente; mentre per ebike l’impresa potrà beneficiare dei contributi per l’acquisto di 1 colonnina per unità locale e massimo 20 per richiedente.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone