Home | Interno | Nuove telecamere e in rete: Ala è più sicura

Nuove telecamere e in rete: Ala è più sicura

Ora sono otto le telecamere collegate in rete a disposizione delle Forze dell’Ordine

image

>
Ala è più sicura: sono entrate in funzione otto nuove telecamere, collocate ai varchi alle entrate nord e sud del Comune.
Non solo: è stata aggiunta una nuova telecamera all'interno dei centri abitati, che si aggiunge alle 7 già attive.
La cosa più importante è che tutto il sistema è stato messo in rete, e ora viene controllato direttamente dai carabinieri e dalla Polizia locale di Ala e Avio.
In precedenza infatti i dati venivano trasmessi a Trentino Network, e il Comune doveva rivolgersi a questa per avere le immagini.
Grazie all'investimento dell'amministrazione comunale di Ala (circa 130 mila euro), ora il sistema di videosorveglianza è stato potenziato e messo in rete, ed è immediatamente a disposizione dei carabinieri e della Polizia locale.
 
Sono due i tipi di telecamere che monitorano il territorio di Ala.
Ce ne sono otto (una appena installata, le precedenti sette già in funzione dalla precedente amministrazione) collocate in luoghi sensibili dei centri abitati, sia di Ala centro che delle frazioni.
Controllano isole ecologiche, parchi pubblici, scuole, aree ritenute sensibili.
L'altro tipo è quello che controlla i varchi di ingresso nord e sud al Comune. Ce ne sono due a nord e due a sud, ciascuna con due telecamere, che controllano i passaggi in entrata e in uscita.
Queste telecamere, oltre che a vedere chi entra e chi esce da Ala, controllano anche automaticamente se i veicoli sono in regola con l'assicurazione o la revisione.
Va ricordato che eventuali contestazioni vanno fatte in maniera immediata sul posto da una pattuglia. Pattuglie della polizia locale che però sono collegate al sistema tramite tablet, e possono facilmente, in questo modo, risalire ai veicoli non in regola.
Al tempo stesso anche i carabinieri sono molto facilitati nelle loro indagini, e controllare chi entra o esce da Ala, eventualmente seguire veicoli sospetti.
 
Le telecamere di videosorveglianza all'interno dei centri urbani, posizionate in luoghi strategici, servono da deterrente (o a risalire ad eventuali colpevoli) di atti di vandalismo, abbandoni di rifiuti nelle isole ecologiche, danneggiamenti a luoghi pubblici e così via.
Con il nuovo software ora in dotazione alla polizia locale di Ala e Avio gli agenti possono non sono visionare le immagini: il programma evidenzia nei filmati i momenti in cui si sono verificati movimenti nell'immagine, pertanto non è più necessario andare a controllare ore e ore di girato. Basta andare avanti e indietro col cursore selezionando i momenti in cui la telecamera ha visto qualcosa spostarsi.
L'amministrazione sta valutando di implementare il sistema, aggiungendo ulteriori telecamere in altri punti delle aree urbane, o in accesso alle frazioni. Il sistema è progettato in modo che possa connettersi e mettersi in rete con quello già attivato nella confinante Rovereto, per un controllo più efficace.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone