Home | Interno | Lavis, terminati i lavori per l’area sosta in Zona Industriale

Lavis, terminati i lavori per l’area sosta in Zona Industriale

L’intervento ha permesso di realizzare una sorta di «camion-grill» multiservizi per dare maggiore comfort agli autisti e più ordine alla viabilità del comparto produttivo

image

>
Un’area parcheggio e sosta diurna e notturna per autoarticolati, con punto di ristoro e servizi igienici e per la cura della persona, a servizio degli autotrasportatori e degli addetti dell’area industriale.
Una struttura leggera, in legno, collocata all’incrocio tra Via Fermi e Via Galilei nella Zona Industriale di Lavis, a ovest dell’abitato.
L’intervento, completato in questi giorni sull’area messa a disposizione da Trentino Sviluppo, va a soddisfare un’esigenza espressa dall’amministrazione comunale di Lavis.
Costo dell’opera 855 mila euro.
 
Sono stati realizzati 15 nuovi parcheggi per autoarticolati di 18 metri di lunghezza e 12 posti macchina.
Un terreno di proprietà di Trentino Sviluppo, 3.300 metri quadri di superficie nella Zona Industriale di Lavis, è stato trasformato in pochi mesi (con un anticipo di 45 giorni sulla data di consegna dei lavori) in un’area sosta per mezzi pesanti a servizio della Zona Industriale di Lavis.
Un’esigenza avanzata dal Comune di Lavis e nata anche per contrastare il «parcheggio selvaggio» di mezzi pesanti a bordo strada, lungo la viabilità che attraversa la zona, densamente popolata da realtà produttive e capannoni industriali.
 

 
Il lotto comprende anche una struttura di servizio, realizzata in legno, con portico e pannelli fotovoltaici, di 174 mq coperti, mentre 69 mq sono destinati a bar (che sarà aperto a tutta la cittadinanza), 75 mq sono dedicati a toilette, docce, lavanderia a gettone a servizio degli autisti e autotrasportatori, ma ci sono anche un’area comune per il relax e l’erogazione di bevande e snack tramite distributori automatici (30 mq) e un portico.
Un’area pensata per i lavoratori del settore autotrasporto e industriale, con lo scopo di potenziare i servizi pubblici della zona.
Particolare attenzione è stata prestata alla progettazione architettonica, alla sostenibilità e alla qualità degli impianti: pompa di calore ad aria e sistema di depurazione delle acque bianche in loco.
 
I lavori sono stati eseguiti dalla ditta D.F. Costruzioni di Lavis. Entro la fine di febbraio la nuova area di sosta verrà ceduta da Trentino Sviluppo al Comune di Lavis in comodato gratuito per trent’anni.
Trentino Sviluppo ha finanziato l’opera con fondi provinciali (855.000 euro, comprese le varianti).
Al Comune spettano gli oneri di infrastrutturazione dell’acquedotto e le parti a verde. Verrà quindi emesso un bando per la gestione dell’area.
 

 
Nelle prossime settimane verrà organizzato un incontro con le aziende dell’area industriale di Lavis per illustrare la nuova opera e individuare l’eventuale interesse di imprese locali alla gestione del bar e dell’intera struttura.
L’intervento risulta innovativo sia per la forte collaborazione tra Trentino Sviluppo e un ente locale, il Comune di Lavis appunto, sia per la tipologia di intervento, volto alla qualificazione e al potenziamento dei servizi pubblici di un’area industriale, pensata come un pezzo di città nella città e non come un oggetto estraneo al tessuto urbano.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone