Home | Interno | Chi non ha mai sognato la carriera diplomatica?

Chi non ha mai sognato la carriera diplomatica?

Alcune indicazioni semplici ma utili per prendere in considerazione questa possibiità

La prima cosa da fare per tramutare il sogno in realtà è conseguire (se non la si ha già) una laurea specialistica o magistrale con il vecchio ordinamento in una di queste facoltà:
- Scienze Politiche
- Giurisprudenza
- Economia
 
Ovviamente le tre facoltà corrispondono a tre grandi macro-aree, come sappiamo poi esistono diversi tipi di specializzazione in queste tre diverse branche, e tutti sono validi per il vostro sogno di carriera diplomatica.
 
Il secondo passo è partecipare al concorso del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI). Il concorso si tiene annualmente e serve a selezionare Segretario di Legazione in prova e pubblicato sulla Gazzetta ufficiale italiana.
 
Si tratta di un concorso particolarmente impegnativo che non dà accesso immediato ad una sicura e stabile carriera (si entra appunto in prova), proprio perché le ricompense possono essere molte in termini di carriera e realizzazione personale e professionale, l’impegno è anche alto.
Effettivamente l’idea di fare carriera diplomatica accarezza molti degli studenti che studiano in un corso di laurea in scienze politiche ma pochi sanno come, nella pratica si diventa diplomatico.
 
 In cosa consiste l’esame? 
Il candidato, di età inferiore a 35 anni, in possesso dei titoli di studio richiesti, idoneità psicofisica e pieno godimento dei diritti politici dovrà sottoporsi a ben 5 prove scritte in:
-Storia delle relazioni internazionali a partire dal Congresso di Vienna;
-Diritto internazionale pubblico e dell'Unione europea;
-Politica economica e cooperazione economica, commerciale e finanziaria multilaterale;
-Lingua inglese (senza l'uso del dizionario su tematiche di attualità internazionale);
altra lingua straniera scelta dal candidato tra francese, spagnolo e tedesco (senza l'uso del dizionario su tematiche di attualità internazionale). 
 
È prevista una prova attitudinale che consiste una relazione scritta in un tempo di un’ora più un questionario, con un’altra ora di tempo.
Qui vengono verificate la conoscenza generale delle materie richieste, la capacità di ragionamento e la lingua inglese.
Solo avendo superato due terzi della prova attitudinale si può avere accesso alle già nominate prove scritte.
Superando poi le prove scritte, si deve passare per un esame orale sulle tematiche internazionali.
 
 E Dopo il concorso? 
Le già dure prove danno accesso poi ad un periodo...di prova di 9 Mesi come segretario di legazione. Se i dopo i 9 mesi si viene confermati, allora ecco che si entra nel mondo della carriera diplomatica, composto da 5 gradi:
- Segretario di Legazione (da 1 a 10 anni di carriera)
- Consigliere di Legazione (10-15 anni di carriera)
- Consigliere di Ambasciata (15-22 anni di carriera)
- Ministro Plenipotenziario (22-27 anni di carriera)
- Ambasciatore

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone