Home | Interno | Legionella, a Trento il convegno di UNAT - Unione albergatori

Legionella, a Trento il convegno di UNAT - Unione albergatori

Stamani all’auditorium Perini focus con Azienda sanitaria e Istituto superiore di Sanità

image

>
Gli strumenti per difendersi dalla legionella e mantenere le strutture ricettive immuni e sicure.
Stamattina, presso l’auditorium Perini di Seac, a Trento, l’UNAT - Unione albergatori ha offerto ai propri associati un momento di approfondimento con l’Istituto superiore di Sanità e l’Azienda sanitaria, oltre che con aziende che offrono servizi specifici per contrastare e ridurre il rischio.
Dalla Provincia Autonoma di Trento – erano presenti gli assessori Failoni e Segnana – massima disponibilità e collaborazione.
La legionella è un fenomeno in crescita a livello internazionale.
Le cause di questo aumento sono molteplici: tra di esse, va sicuramente inclusa – secondo gli studi dell’Istituto superiore di Sanità – anche una maggiore efficienza delle analisi di laboratorio necessarie per isolare il batterio.
 
La legionella si può trovare praticamente ovunque si trovi un ristagno d’acqua o una sua vaporizzazione, tanto che per quasi 3 casi su 4 è impossibile stabilire cause certe sulle modalità di contaminazione e sulle fonti di infezione.
Le strutture ricettive sono interessate dal problema per la gestione degli impianti idro-sanitari e aeraulici: per questo l’UNAT - Unione albergatori offre costante assistenza e frequenti aggiornamenti agli associati per prevenire eventuali contaminazioni e ridurre significativamente il rischio: «Il seminario di oggi – ha spiegato durante il saluto introduttivo il presidente Giovanni Bort – ha l’obiettivo di fare il punto sulla situazione della ricerca e della prevenzione sul tema della legionella e di offrire agli associati occasioni di confronto e informazione. Vorrei ringraziare sia gli assessori presenti sia i relatori dell’Azienda provinciale che costantemente monitorano il problema e collaborano attivamente con le aziende. Grazie anche all’Istituto superiore di Sanità per il quadro nazionale e internazionale oltre che per l’aggiornamento sullo stato dell’arte della scienza medica in materia.»
 
«Grazie ad UNAT – Unione albergatori – il saluto dell’assessore provinciale alla Salute Stefania Segnana – per questa mattinata informativa. Un’iniziativa che appoggiamo in pieno, per la diffusione della cultura e della formazione sulla gestione e sulla prevenzione di fenomeni come la legionella. Come assessorato e come azienda sanitaria siamo disponibili a collaborare per altri momenti analoghi e per affiancare le imprese in tutti i modi possibili per affrontare questa tematica molto complessa a causa della moltitudine di soggetti che coinvolge.»
«Un ringraziamento anche da parte mia – ha detto l’assessore provinciale al turismo Roberto Failoni – diffondere informazione e buone pratiche presso le strutture ricettive della nostra provincia è un modo per mantenere elevato il livello di qualità della nostra offerta turistica. L’apporto e la responsabilizzazione degli imprenditori, anche su questa tematica, sono molto importanti e la vostra numerosa partecipazione a questo evento ne è la testimonianza.»
Il primo intervento, a cura della dott.ssa Maria Luisa Ricci, dell’Istituto Superiore di Sanità e referente nazionale del Laboratorio per la legionella del dipartimento di malattie infettive ISS, ha affrontato l’evoluzione della legionella in Italia ed in Europa a partire dal 1976, anno della sua prima individuazione.
 
Il dott. Francesco Pizzo, dell’Azienda Provinciale Servizi Sanitari della provincia di Trento, ha trattato il rischio legionellosi associato all’indagine epidemiologica.
Il dott. Graziano Maranelli, direttore della medicina del lavoro (UOPSAL), ha parlato dei rischi per i lavoratori mentre il dott. Marco Bernabè ha affrontato le procedure per la valutazione del rischio legionellosi ed il piano di autocontrollo.
In conclusione, Acel Srl, con gli interventi di Luca Zecca e Fabio Simeti, ha illustrato le problematiche di natura tecnica e ingegneristica nella costruzione e manutenzione di impianti di trattamento delle acque. «Confcommercio Trentino e la vostra Associazione – ha concluso il segretario UNAT – Unione albergatori Alfonso Moser – è sempre a vostra disposizione per qualsiasi necessità sia sul fronte dell’informazione che della consulenza».
Il tema della legionella è d’interesse anche per i gestori di condominio: l’evento di oggi è stato promosso e realizzato in collaborazione con Confcommercio Trentino e ANACI, l’associazione degli amministratori di condominio del Trentino.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone