Home | Interno | Strike! Per giovani che cambiano il mondo

Strike! Per giovani che cambiano il mondo

Aperto il concorso per under 35 che vogliono ispirare i giovani a fare grandi cose

image

>
Tre mesi per raccontare il proprio Strike in un video e condividerlo con gli altri giovani.
È ufficialmente iniziata la quarta edizione di «Strike! Storie di giovani che cambiano le cose».
Il concorso - realizzato dall'Agenzia per la famiglia, natalità e politiche giovanili, con la Fondazione Demarchi, Cooperativa Mercurio e Cooperativa Smart - è nato tre anni fa ed è rivolto ai giovani under 35 (nati dal 1° gennaio 1984) residenti nelle province di Trento, Bolzano, Sondrio, Brescia, Verona, Vicenza e Belluno che hanno fatto un personale Strike!, ovvero hanno realizzato e vogliono condividere la propria storia di successo con gli altri giovani per ispirarli e spronarli a immaginare, progettare, attivarsi per realizzare nuovi progetti o completare con successo quelli in corso.
Non ci sono limiti e i racconti possono spaziare dall'impresa all'autonomia personale, dalla cultura al volontariato, dallo sport alla politica o alla tutela dell'ambiente.
Quello che veramente importa è avere raggiunto un primo traguardo, un obiettivo di cui andare orgogliosi.
 

 
Il bando rimarrà aperto fino a lunedì 16 settembre e la partecipazione è semplice e veloce: basterà compilare il form di partecipazione sul sito www.strikestories.com, registrare la propria storia in un breve video (massimo 5 minuti), stampare, firmare e restituire la richiesta di partecipazione ottenuta dopo la compilazione del form e inviare la clip all'indirizzo info@strikestories.com (si consiglia l'utilizzo di WeTransfer).
In seguito lo staff e la giuria – quest'anno composta dalla striker 2018 e giornalista Sky Lara Lago, Chiara Cazzulani (presidente) responsabile del casting di X Factor, Rosario Esposito La Rossa scrittore e ideatore della libreria «Scugnizzeria» di Napoli, Emanuele Masi direttore artistico di Bolzano Danza, Rossella Verga giornalista e responsabile di «Buone Notizie», Lucia Adamo direttrice della fondazione Lene Thun, l'atleta medaglia di bronzo agli ultimi campionati europei di atletica Yemaneberhan Crippa e il project manager autore di «Riusiamo l'Italia. Da spazi vuoti a start-up sociali e culturali» Giovanni Campagnoli - selezioneranno le migliori proposte.
 

 
I 10 finalisti parteciperanno in autunno al laboratorio di storytelling tenuto da Mattia Venturi e Flavio Nuccitelli, esperti diplomati alla scuola Holden di Torino diretta da Alessandro Baricco e, successivamente, esporranno la loro esperienza nella serata conclusiva di sabato 9 novembre allo Smart Lab di Rovereto.
I tre vincitori scelti dalla giuria riceveranno un premio di mille euro ciascuno per promuovere ulteriormente tra i giovani il loro strike.
A questi si aggiungono il premio del pubblico, (500 euro) e il premio «Storytelling» in collaborazione con il partner Favini riservato alla migliore esposizione della serata finale.
Come da tre anni a questa parte, infine, le storie dei 10 finalisti saranno raccolte in un volume che sarà distribuito nel 2020.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone