Home | Interno | Comun general capofila di un progetto pilota europeo per gli idiomi di minoranza

Comun general capofila di un progetto pilota europeo per gli idiomi di minoranza

Comun general capogrop de n projet sperimentèl european per i lengac de mendranza

In collaborazione con la Scuola Ladina, l’ente fassano è «project leader» di un’iniziativa, promossa con l’NPLD, per le «Attività didattiche» sulla «Carta Europea per le lingue regionali e minoritarie».

Il Comun General de Fascia torna a rivestire un ruolo di primo piano in Europa, sul fronte delle lingue minoritarie. Dopo aver ospitato nel 2017 la Conferenza internazionale dell’NPLD (Network to Promote Linguistic Diversity con sede a Bruxelles, a cui il CGF partecipa dal 2014 quale rappresentante della minoranza ladina della PAT), a fine agosto la procuradora e senatrice Elena Testor e il Consei de Procura hanno approvato lo schema di accordo attuativo per partecipare all’«European Charter for Regional or Minority Languages - Classroom Activities /Attività didattiche sulla Carta Europea per le lingue regionali o minoritarie».
 
«Si tratta di un progetto avviato dal Comun General in collaborazione con la Scuola Ladina di Fassa e in accordo con l’NPLD – spiega Elena Testor – di grande rilevanza, perché va a sostenere le buone pratiche per la valorizzazione e la salvaguardia delle lingue minoritarie. Quest’ultime devono essere attivate a tutti i livelli, dagli enti territoriali, nazionali ed europei.
«In una visione di collaborazione con tutte le minoranze per la promozione di azioni concrete per mantenere le specificità che derivano dalla nostra storia. Un impegno che sto portando avanti sin dall'inizio della mia attività in Parlamento, con la presentazione del disegno di legge n. 711 "Ratifica ed esecuzione della Carta europea delle lingue regionali o minoritarie, fatta a Strasburgo il 5 novembre 1992" e del disegno di legge n. 1157 "Disposizioni a tutela delle minoranze linguistiche a rischio di scomparsa”».
 
In particolare, la «Carta Europea» propone precise linee guida su come le lingue regionali o minoritarie dovrebbero essere protette e promosse nella vita di ogni giorno.
«Gli Stati membri - sottolinea la procuradora - sono invitati a fornire nella lingua di minoranza educazione, servizi stampa radiofonici e televisivi e nell'ambito nei nuovi media, come anche nella pubblica amministrazione.
La Carta contribuisce all'integrazione linguistica e culturale, è uno strumento di fondamentale importanza per integrare popoli con background linguistici e culturali diversi. Il mio impegno pertanto continua su tre fronti: qui nella mia terra, a Roma nella veste di capogruppo di Forza Italia presso la XIV Commissione politiche dell'Unione Europea al Senato della Repubblica e a Bruxelles attraverso tutti i canali messi a disposizione dal mio ruolo di senatrice. Un impegno che non verrà mai meno.»
 
Il progetto in questione, di cui il Comun general de Fascia è capofila, è stato elaborato dalla vicepresidente dell’NPLD, Sabrina Rasom, che è anche responsabile dei Servizi linguistici e culturali del CgF.
L’iniziativa ha avuto una fase esplorativa a novembre 2018, quando Sabrina Rasom e alcuni insegnanti della Scuola Ladina si sono recati a Strasburgo per approfondire le «Attività didattiche», al fine di avviare un progetto locale di uso dello strumento, utilizzando i fondi messi a disposizione dal 2019 dall’NPLD, per progetti di politica linguistica fra i membri della stessa rete.
Sabrina Rasom ha concepito e proposto a nome del Comun general - che investe 3 mila euro, oltre al sostegno di spese e viaggi di insegnanti e studenti coinvolti - un progetto annuale (2019-2020) in collaborazione con la Scuola Ladina di sperimentazione della «Attività didattiche» dal titolo «Pilot project putting into practise a part of the Classroom activities of the European Charter for Regional and Minority Languages».
 
A quest’iniziativa partecipano scuole di minoranza linguistica in Europa coordinate da: ARLeF (agenzia regionale per la lingua friulana, Udine), Partium Christian University (Romania - minoranza ungherese), Xarxa Vives d’Universitas di Catalogna, Afûk, Frisia, Paesi Bassi, Università di Udine (Centro di sviluppo della lingua e della cultura friulana - Udine).
Comun general e Scuola Ladina, quindi, intendono sensibilizzare gli studenti delle scuole di minoranza linguistica, e le loro famiglie, riguardo il valore della diversità linguistica anche di minoranza, i diritti fondamentali dei cittadini che parlano una lingua di minoranza e la partecipazione diretta alle attività per implementare tali idiomi.
Le «Unità didattiche» del Consiglio d’Europa mirano a coinvolgere i locutori nella conoscenza della Carta europea per le lingue regionali o minoritarie, per far diventare questo trattato uno strumento concreto e vivo alla base del diritto fondamentale di ognuno di parlare la propria lingua.
 
Comun general e Scuola si impegnano, così, a costituire un gruppo di lavoro, coordinamento e valutazione, composto da Sabrina Rasom e dagli insegnanti che hanno partecipato al viaggio formativo a Strasburgo.
In particolare il Comun general, project leader, ha la responsabilità organizzativa, tecnica e finanziaria e, a livello locale, coordina l’esecuzione degli interventi sviluppati concretamente dagli insegnanti.
La scuola, a sua volta, applica, tra il resto, le «Unità didattiche» sulla “Carta Europea” per le lingue regionali o minoritarie proposte dal Consiglio d’Europa in almeno 3 classi (scelte tra scuola secondaria di primo e secondo grado), accoglie alunni di altra minoranza linguistica per alcuni giorni e coinvolge gli studenti delle classi scelte nella realizzazione di un video (di 60 secondi) sul tema «Cosa significa per te la lingua ladina?».
Gli studenti che creeranno i tre migliori video parteciperanno a uno scambio culturale con una delle minoranze linguistiche coinvolte nel progetto.

En colaborazion co la Scola Ladina, l’ent fascian l’é l «project leader» de na scomenzadiva, endrezèda co l’NPLD, per la ativitèdes didatiches che vèrda la «Chèrta europeèna per i lengac regionèi e de mendranza».

L Comun General de Fascia l’à endò na pèrt emportanta te l’Europa per chel che vèrda i lengac de mendranza. Dò aer endrezà del 2017 la Conferenza internazionèla de l’NPLD (Network to Promote Linguistic Diversity che l’à la senta a Bruxelles, de chela che l CGF l fèsc pèrt dal 2014 en ca desche raprejentant de la mendranza ladina te la Provinzia de Trent), a la fin de aost la procuradora e senadora Elena Testor e l Consei de Procura à aproà l schem de cordanza atuativa per tor pèrt a l’«European Charter for Regional or Minority Languages - Classroom Activities /Attivitèdes didatiches en cont de la Carta Europeèna per i lengac regionèi e de mendranza».
 
«Se trata de n projet metù a jir dal Comun General co la colaborazion de la Scola Ladina de Fascia e a una co l’NPLD - despiega Elena Testor - de gran valuta, percheche l va a sostegnir la bona pratiches per la valorisazion e l stravardament di lengac de mendranza.
«Chisc i cogn vegnir duré te duc i livìe, dai enc del teritorie a chi nazionèi e europeans, te na vijion de colaborazion con duta la mendranzes per la promozion de azions concretes per mantegnir la particolaritèdes che vegn ca da noscia storia.
«N empegn che porte inant enscin dal scomenz de mia atività tel Parlament, co la prejentazion del dessegn de lege n. 711 “Ratifica e esecuzion de la Chèrta europeèna di lengac regionèi e de mendranza, fata a Strasburgh ai 5 de november del 1992” e del dessegn de lege n. 1157 «Desposizions per stravardèr la mendranzes linguistiches che risia de morir fora.»
 
La chèrta la porta dant mascimamenter desposizions de endrez prezises en cont de coche i lengac regionèi e de mendranza i cognessa vegnir stravardé vigni dì. «I Stac membres – sotrissea la procuradora – i é envié a sporjer tel lengaz de mendranza educazion, servijes stampa tras la radio e la televijion e i media neves, desche ence te la aministrazion publica.
«La Chèrta la deida la integrazion linguistica e culturèla, l’é n strument de emportanza fondamentèla per la integrazion di popui con n passà linguistich e culturèl desvalif.
«Mie empegn, donca, l va inant sun trei livìe: chiò te mia tera, a Roma desche capogrop de Forza Italia te la XIV Commiscion de la politiches de la Union Europeèna tel Senat de la Republica e a Bruxelles, tras duc i canai de chi che posse me emprevaler desche senadora. N empegn che no vegnarà mai a mencèr.»
 
L projet en costion, de chel che l Comun general de Fascia l’é capogrop, l’é stat enjignà da la vize-presidenta dell’NPLD, Sabrina Rasom, che la é ence responsabola di Servijes linguistics e culturèi del Cgf.
La scomenzadiva l’à abù na fasa esplorativa de november del 2018, canche Sabrina Rasom e vèlch ensegnant de la Scola Ladina de Fascia i é jic a Strasburgh per fèr n aprofondiment en cont de la «Ativitedès didatiches», per endrezèr dapò n projet local de doura del strument co la somes metudes a la leta del 2019 da l’NPLD per projec de politica linguistica anter i membres de la rei. Sabrina Rasom l’à pissà e proponet, per cont del Comun general (che l met a la leta la soma de 3 mile euro, extra che l sostegn per la speises de viac de ensegnanc e studenc che tol pèrt) n projet per l’an de scola 2019-2020, en colaborazion con la Scola Ladina, de sperimentazion de la «Ativitèdes didatiches», che l’à inom «Pilot project putting into practise a part of the Classroom activities of the European Charter for Regional and Minority Languages».
 
A chesta scomenzadiva tol pèrt scoles de mendranza linguistica de l’Europa coordenèdes da: ARLeF (agenzia regionèla per l lengaz furlan, Udin), Partium Christian University (Romania - mendranza unghereisa), Xarxa Vives d’Universitas di Catalogna Afûk, Frisia, Paìjes Basc e Università de Udin (Zenter de svilup del lengaz e de la cultura furlana - Udin).
Comun general e Scola Ladina, donca, vèl sensibilisèr i studenc de la scoles de mendranza linguistica e sia families, en cont del valor de la desvalivanza linguistica ence de mendranza, di deric fondamentèi di sentadins che rejona n idiom de mendranza e de la partepazipazion direta a la ativitèdes per smaorèr chisc lengac.
La «Unitèdes didatiches» del Consei d’Europa les vel tor ite i locutores te la cognoscenza de la Chèrta Europeèna per i lengac regionèi o de mendranza, per fèr doventèr chest tratat n strument concret e vif e la basa del derit fondamentèl de vigniun de rejonèr te sie lengaz.
 
Comun general e Scola se empegna coscita a enjignèr n grop de lurier, coordenament e valutazion, metù adum da Sabrina Rasom e dai ensegnanc che à tout pèrt al viac formatif a Strasburgh.
L Comun general, desche «project leader», l se cruzia de la responsabilitèdes tecniches, finanzièles e de valutazion e, te val, l coordenea l’esecuzion di intervenc concrec luré fora dai ensegnanc. La scola, pèrto sia, la met a jir, anter l’auter, la «Unitèdes didatiches» en cont de la Chèrta europeèna per i lengac regionèi e de mendranza portèda dant dal Consei de Europa, amancol te trei classes (cerdudes fora te Scola Mesèna e te Scola Auta), la ge dèsc alberch a scolees de autra mendranzes linguistiches per vèlch dì e la tol ite i studenc de la classes cerdudes fora te la realisazion de n video (de 60 seconc) en cont de: «Che vélel pa dir per te l lengaz ladin?». I studenc che fajarà i trei video miores i tolarà pèrt a n barat culturèl con una de la mendranzes linguistiches che fèsc pèrt del projet.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni