Home | Interno | Cronaca | Tunisino scalmanato aggredisce agenti e danneggia le volanti

Tunisino scalmanato aggredisce agenti e danneggia le volanti

È accaduto a Trento in Via Torre Vanga. L'uomo è stato arrestato per violenza, resistenza, tentate lesioni, danneggiamento, lancio di oggetti e tanti altri reati

Verso le ore 15 di oggi, alcuni cittadini segnalavano che in via Torre Vanga, nei pressi di piazza Dante, un uomo, presumibilmente di origine nordafricana, completamente fuori controllo, dopo aver spostato alcuni tombini dal proprio alloggiamento, stava creando pericolo per la circolazione stradale e per le persone presenti in piazza.
Immediatamente la sala Operativa della Questura inviava due equipaggi della Squadra volante per comprendere quanto stava accadendo e per il conseguente intervento di Polizia.
Sul posto, il personale riconosceva nel già noto tunisino di 34 anni, persona che in passato era già stato denunciato per diversi reati e che aveva già creato alcune problematiche, che con fare minaccioso attendeva l’arrivo degli Agenti.
 
L’uomo non appena le due autovetture erano nei pressi, senza alcun motivo e ancor prima che gli operatori scendessero dalle autovetture di servizio, scagliava con violenza inaudita dei grossi sassi raccolti dalla sede stradale e occultati sotto gli indumenti da lui indossati contro le Volanti, tanto da infrangere, a causa della veemenza, il lunotto posteriore di una  e il finestrino posteriore lato sinistro dell’altra, oltre ad ammaccare, la carrozzeria posteriore lato sinistro.
Nel mentre di questa violenta azione, lo straniero riusciva, inoltre, a salire sopra l’abitacolo della Volante staccando, nel frangente, l’antenna per la ricezione radio procurando delle ammaccature alla carrozzeria superiore.
Gli Agenti, malgrado l’improvvisa e grave situazione, grazie alla propria prontezza di riflessi, fortunatamente non venivano colpiti dai “bolognini” e riuscivano, con non poca difficoltà, a bloccare il malintenzionato e, dopo averlo messo in sicurezza, a caricarlo all’interno dell’autovettura di servizio per essere poi tradotto presso i locali della Questura per gli atti di rito.
 
Per tale motivo, gli Agenti della Volante, data la pericolosità dell’individuo nonché i numerosi precedenti specifici e la possibilità della reiterazione del reato, B. B. veniva tratto in stato d’arresto per: violenza, resistenza a Pubblico Ufficiale, tentate lesioni, danneggiamento aggravato, lancio di oggetti atti ad offendere e attentato alla sicurezza stradale.
L’arrestato a seguito delle attività di rito veniva condotto in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni