Home | Interno | Cronaca | Intervento notturno del Soccorso alpino in Vigolana

Intervento notturno del Soccorso alpino in Vigolana

Uno speleologo di Trento era ruzzolato in un canalone e, pur restando vigile, non era più in grado di muoversi

image

>
Si è concluso intorno alle ore 1.00 di questa notte un intervento - lungo e complesso per via del maltempo, del buio e del terreno particolarmente impervio - in soccorso di un uomo nel gruppo della Vigolana.
L'uomo, uno speleologo del 1990 di Trento si è infortunato ruzzolando in un canalone molto ripido e caratterizzato da salti di roccia per circa 30 metri, nei pressi dell'uscita della grotta Gabrielli, a una quota di circa 1.900 metri.
Nella caduta l'uomo, sempre vigile, ha sbattuto la testa e si è infortunato a un arto superiore.
La chiamata al Numero Unico per le Emergenze 112 è arrivata intorno alle 19.30 dal compagno che era con lui.
 

 
La Centrale unica di Trentino Emergenza, con il Coordinatore dell'Area operativa Trentino centrale del Soccorso Alpino e Speleologico, ha chiesto l'intervento dell'elicottero che ha imbarcato a bordo due tecnici di elisoccorso per tentare il recupero.
A causa della nebbia, però, non è stato possibile raggiungere l'infortunato. I due Tecnici di elisoccorso e, successivamente con una seconda rotazione, una squadra di operatori della Stazione di Levico, sono stati sbarcati nei pressi di malga Derocca, a una quota di circa 1.600 metri, al limitare delle nebbie.
Percorrendo il sentiero 435 hanno raggiunto a piedi l'infortunato e gli hanno prestato le prime cure.
 

 
Nel frattempo un'altra squadra di soccorritori della Stazione di Levico, dove era presente anche personale sanitario del Soccorso Alpino, è stata elitrasportata a malga Derocca ed ha raggiunto il luogo dell'incidente.
Poiché il persistere della nebbia in quota non permetteva il recupero con l'elicottero, i soccorritori hanno attrezzato un ancoraggio per calare la barella per circa 30 metri lungo il canale fino al sentiero 435.
Da qui hanno trasportato l'infortunato in barella lungo il sentiero, che presenta tratti attrezzati con cavo metallico, fino a malga Derocca.
Poco dopo la mezzanotte, l'elicottero è quindi volato in quota ed ha recuperato a bordo l'infortunato, con i due tecnici di elisoccorso, per trasferirlo all'ospedale Santa Chiara di Trento insieme al  compagno, illeso.
Gli altri soccorritori sono scesi a valle a piedi e sono stati recuperati con i mezzi del Soccorso Alpino e dei Vigili del Fuoco.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande