Home | Interno | Cronaca | A Cles una casa per «fumare» e spacciare

A Cles una casa per «fumare» e spacciare

I Carabinieri denunciano un 19enne e segnalano al commissario del governo 6 giovani

image

Quando, sabato sera, i militari hanno bussato alla porta di un 19enne residente in Malè, il ragazzo era in compagnia di quattro amici, del posto, uno dei quali non ancora maggiorenne. I cinque stavano consumando marijuana.
Nell’appartamento, insieme a cinquanta grammi di erba, i carabinieri della Compagnia di Cles hanno rinvenuto due bilance di precisione, strumenti comunemente usati «nell’ambiente» per pesare lo stupefacente e stabilirne la giusta dose, come pure tutto l’occorrente per confezionare spinelli.
Un accertato via vai di giovani da quella che da qualche mese era diventata l’abitazione nell’esclusiva disponibilità di un insospettabile operaio e, principalmente, il fatto che alcuni di essi fossero già incappati nelle maglie della giustizia per illeciti legati al consumo di droghe, sono stati i primi elementi su cui gli investigatori hanno fondato il loro sospetto.
 
La supposta esistenza di un possibile «giro di spaccio» è stata di fatto confermata da un servizio «di osservazione» attuato nel pomeriggio di sabato dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Cles, ai quali è apparso singolare il comportamento di un ragazzo.
Predetto si è intrattenuto nella casa del sospettato per pochi minuti e, quando ne è uscito, si è frettolosamente diretto verso la stazione ferroviaria del paese per aspettare, con fare diffidente ed abbastanza nervoso, l’autobus che lo avrebbe portato a casa, in un piccolo borgo dell’Alta Val di Sole.
Addosso aveva 10 grammi di marijuana, acquistati per lo sballo del sabato sera!
 
Quello che è successo dopo è stato detto.
L’operazione si è conclusa con la denuncia alla Procura della Repubblica di Trento del possessore del più grosso quantitativo di stupefacente e con la segnalazione al Commissariato del Governo del medesimo e degli altri cinque protagonisti del fatto.
Gli accertamenti sulla marijuana sequestrata, che nei prossimi giorni saranno eseguiti presso il Laboratorio di Analisi delle Sostanze Stupefacenti dell’Arma, in Laives, dovranno confermare l’appartenenza della droga posseduta dal ragazzo controllato in stazione alla partita rinvenuta nell’appartamento del 19enne e così avvalorare l’ipotizzata cessione di droga da parte di quest’ultimo.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone