Home | Interno | Cronaca | Tre persone denunciate per reati contro il patrimonio

Tre persone denunciate per reati contro il patrimonio

Si tratta di megrabini dai 20 ai 45 anni sorpresi mentre sottraevano merce di vario genere

Nella notte tra sabato e domenica i Carabinieri di Trento hanno intensificato i controlli del territorio dedicandosi in primo luogo alla tutela del patrimonio.
In poche ore nel territorio della città di Trento e del comune di Altopiano della Vigolana, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile e della Stazione  Altopiano della Vigolana hanno deferito in stato di libertà all’Autorità giudiziaria tre persone, tutte di etnia maghrebina e di età compresa tra i 45 ed i 20 anni, ritenute responsabili a vario titolo di taluni reati contro il patrimonio. L’intera refurtiva è stata recuperata e restituita agli aventi diritto.
 
Si tratta, in un caso, di un furto all’Oviesse di quella in via Pergher commesso nel tardo pomeriggio di sabato, in cui il reo si sarebbe appropriato di sette capi di abbigliamento, del valore complessivo ammontante a 70 euro.
Il reo, unitamente ad altro individuo, riuscito a dileguarsi, è stato bloccato dai militari, allertati dal personale di vigilanza.
Il materiale rinvenuto è stato poi restituito all’esercizio commerciale.
 
Analogo reato commesso nella notte presso il Centro Raccolta Materiali di Altopiano della Vigolana, dove i militari hanno sorpreso un uomo che, dopo aver reciso la recinzione del CRM, aveva tentato di appropriarsi di un quantitativo di batterie per autovetture.
Nella circostanza il reo, sorpreso dai militari, ha tentato di dileguarsi, raggiunto poco dopo dai militari che lo hanno identificato.
In terzo luogo nella tarda serata di ieri, l’atteggiamento sospetto di un giovane marocchino ha destato l’attenzione dei Carabinieri del nucleo Operativo e radiomobile che, nel conseguente controllo, lo hanno trovato in possesso di un telefono cellulare di cui il giovane non sapeva giustificare il possesso.
 
Gli immediati accertamenti hanno permesso di accertare la provenienza furtiva del cellulare, sottratto ad un giovane trentino nella serata del 12 aprile all’interno di un locale del centro storico. Rintracciato il legittimo proprietario, allo stesso è stato restituito quanto di proprietà.
Tutte e tre le persone sopra indicate sono state deferite in stato di libertà, le prime due per il reato di furto e la terza per il reato di ricettazione, per i quali dovranno rispondere all’Autorità Giudiziaria di Trento.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone