Home | Interno | Cronaca | Maltratta la convivente: il giudice divieta l'avvicinamento

Maltratta la convivente: il giudice divieta l'avvicinamento

Si tratta di un tunisino di 24 anni residente in Trentino che da tempo maltrattava la moglie 21enne

La Squadra Mobile della Questura di Trento, coordinata dalla Procura della Repubblica di Trento, ha eseguito un provvedimento di divieto di avvicinamento di un cittadino tunisino di 24 anni residente in provincia di Trento, alla moglie 21enne, perché autore dei reati di maltrattamenti e stalking.
La misura cautelare si è resa necessaria perché all’esito delle indagini condotte dalla Polizia di Stato, è emerso che la donna fosse stata nel passato, anche recente, vittima di ripetute percosse, ingiurie, minacce gravi e lesioni volontarie da parte del convivente.
Le vessazioni, fisiche e psicologiche compiute dal cittadino tunisino si sono protratte fin dal 2015 nei confronti della coniuge, allora ancora minorenne.
L’uomo non ha cessato di perseguitare la donna neppure quando quest’ultima si è decisa ad interrompere la convivenza, rivolgendosi al Questore di Trento perché comminasse, così come avvenuto, un ammonimento al tunisino.
 
La vittima, sfiancata fisicamente e psicologicamente, dagli abusi inflittele è caduta in un forte di forte prostrazione psicologica, tale da determinare anche un significativo cambiamento nelle abitudini di vita della donna.
Le attività investigative portate avanti dalla Squadra Mobile della Questura di Trento, hanno messo in luce episodi di grave violenza psicologica e fisica, commessi dal cittadino tunisino, anche quando la donna era incinta.
In particolare, è scaturito che la donna fosse stata costretta a rendere conto all’uomo dei suoi spostamenti, così come pedinata ed aggredita fisicamente anche innanzi alle amiche nonché costretta ad abbandonare la scuola.
La donna, interrotta la convivenza, si è rifugiata in una comunità. Ma l’uomo è riuscito a rintracciarla molestandola reiteratamente, spingendosi ad aggredirla all'interno di un locale pubblico afferrandola per i capelli costringendola ad uscire.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni