Home | Interno | Cronaca | La Guardia di Finanza: «a colpo sicuro contro gli affitti al nero»

La Guardia di Finanza: «a colpo sicuro contro gli affitti al nero»

In soli 9 mesi accertata in Trentino Alto Adige un'evasione di oltre 2,1 milioni di euro: gli interventi sono risultati positivi in oltre il 90% dei casi – Il vademecum

image

>
Il Comando Regionale Trentino Alto Adige, nel solco delle iniziative volte ad individuare coloro che, pur incamerando ingenti introiti, non contribuiscono al benessere ed alla tutela della collettività, sottraendosi al pagamento delle imposte, ha focalizzato l’attenzione, anche, sul fenomeno degli affitti in nero che, stante la spiccata vocazione turistica della regione e la presenza di importanti poli universitari, vede come vittime, principalmente, molti turisti che, nelle stagioni invernale ed estiva, affollano le numerose mete turistiche, e gli studenti fuori sede.
All’esito di un percorso di analisi dei dati disponibili, incrociandoli e sviluppandoli, a partire dall’ottobre 2017 sono state individuate, in tutta la regione Trentino Alto Adige, oltre 1.500 posizioni anomale, da approfondire, in quanto a fronte del possesso di immobili, non sono state rilevate dichiarazioni di redditi da locazione, ovvero gli stessi apparivano eccessivamente esigui.
 
Parallelamente, partendo dal presupposto che a Trento, città universitaria, polo di attrazione per migliaia di giovani provenienti dal resto d’Italia, le prime potenziali vittime del mercato nero degli affitti sono gli studenti, il Comando Provinciale della Guardia di Finanza e l’Università degli Studi di Trento, nell’ottobre 2018, hanno messo in cantiere un progetto finalizzato a combattere le locazioni non in regola.
Lo scopo è duplice: da un lato, smascherare i cittadini fiscalmente disonesti che evitano scrupolosamente di pagare le imposte sfruttando gli studenti; dall'altro, attraverso una massiccia campagna di conoscenza sui rischi legati al mercato nero degli affitti, fornire agli studenti «tanti buoni consigli» per cogliere al volo agevolazioni, benefici ed opportunità, spesso poco conosciute.
 
Non solo repressione, quindi, ma anche diffusione della cultura della legalità. Anche quest’anno, a tutte le matricole dell'Università di Trento è stato reso disponibile online e sui social un vademecum, già diffuso lo scorso anno, realizzato con la collaborazione dell’Ateneo e dell’Unione degli Universitari, per trovare casa senza fregature, dribblando gli affitti in nero, utilizzando agevolazioni ed opportunità spesso poco conosciute: una vera e propria guida di sopravvivenza al mondo degli affitti per studenti universitari.
Inoltre, è stata attivata una casella di posta elettronica (helpaffitti.trento@gdf.it) dedicata, per rendere ancora più agevole l’inoltro da parte degli studenti di eventuali segnalazioni di potenziali violazioni di legge.
La strategia è chiara: «più peso all'intelligence ed alle sinergie, meno controlli di massa».
 
Nei primi 10 mesi di quest’anno, sono stati svolti accertamenti mirati su di una quarantina di situazioni anomale, riscontrando irregolarità in oltre il 90% dei casi, per un recupero di base imponibile IRPEF, per oltre 2,1 milioni di euro.
Tra i casi più singolari, quello del proprietario di più immobili (sia abitazioni, che locali commerciali), siti in provincia di Trento, che tra il 2013 e il 2018, aveva “dimenticato” di dichiarare al Fisco oltre 1 milione di euro di canoni di locazione percepiti.
Trattandosi di “evasore totale” e avendo superato le soglie previste dalla legge, è stato, anche, denunciato per omessa dichiarazione.
Emblematica anche la situazione di cittadini stranieri, residenti all’estero, che, sfruttando i canali social ed i portali dedicati, affittano unità immobiliari in località trentine ed altoatesine ad altissima vocazione turistica.
 
È quanto scoperto, ad esempio, a Riva del Garda, dove un altro “evasore totale”, originario delle Mauritius e residente nel Regno Unito, pur stipulando regolari contratti d’affitto, non dichiarava i canoni di locazione percepiti.
Altra situazione di rilievo quella di un meranese, titolare di un’impresa agricola, che affittava unità immobiliari in Toscana, completamente in nero. In questo caso, preziose informazioni sono state tratte dalle segnalazioni di operazioni sospette, previste dalla normativa antiriciclaggio, che hanno messo in luce anomale movimentazioni di denaro.
 
Se si considera l’ultimo triennio (dal 2017), nel solo settore delle locazioni, a seguito di 165 interventi, sono stati recuperati a tassazione oltre 6,8 milioni di euro di base imponibile, ai fini delle imposte dirette, cui corrisponde un’imposta non introitata dall’erario pari a circa 1,8 milioni di euro.
A questi, si affiancano, 1,1 milioni di euro di recuperi di base imponibile IRAP e oltre 475.000 euro di IVA evasa, derivanti da verifiche ad imprese commerciali operanti nel settore degli affitti.
Ciò induce a mantenere alto il livello di guardia e a sviluppare ulteriori e sempre più incisive sinergie istituzionali, nell’intento di favorire accertamenti mirati, a tutto beneficio della collettività e, in particolar modo, di coloro che rispettano le regole.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni