Home | Interno | Politica | Crisi di governo, proseguono le consultazioni di Fico

Crisi di governo, proseguono le consultazioni di Fico

Al momento è ancora possibile tutto, la la via più probabile è rimettere insieme i cocci della maggioranza uscente

A sentire cosa dicono le parti che sono state ascoltate da Roberto Fico, presidente della Camera incaricato da Mattarella a verificare se e quale maggioranza ci sia ancora in Parlamento, non ci sarebbero altre soluzioni che andare al voto anticipato.
Al momento, infatti, Renzi non vuole Conte, i 5 Stelle vogliono solo Conte. E non vogliono Renzi. Il PD sostiene Conte, con riserva.
Se poi andiamo a rileggere i commenti non troppo lontani dei pentastellati che «mai e poi mai torneranno con Renzi», viene da chiudere il libro e attendere la data delle elezioni.
 
Ma dato che in politica non si mantiene mai la parola (il termine usato da loro è «in politica tutto è possibile»), le ipotesi più plausibili non portano alle elezioni anticipate.
Non ancora almeno. D’altronde, tra analisi dei sondaggi e il taglio del numero dei parlamentari, la maggior parte dei componenti dell’attuale maggioranza non verrà rieletta. Quindi questi onorevoli sono costretti a convivere per restare in Parlamento sino a fine legislatura.
Per questo la strada attualmente più percorribile vede ancora Conte alla guida del Governo. Che però deve rimettere insieme la maggioranza di prima, nel senso che Renzi e gli altri devono trovare un raccordo. Il quale raccordo può essere letto già nelle parole di Renzi: «Non ne facciamo questione di nomi ma di contenuti». Conte dovrebbe rinunciare alla riforma della Giustizia di Bonafede e accettare il MES aborrito dai 5 Stelle.
 
Un’altra strada vede un nuovo premier a Palazzo Chigi. Magari un personaggio di altissimo livello, nel qual caso troverebbe l’appoggio di parte del Centrodestra. Si era pensato a Gentiloni, gradito da tutta la maggioranza, premier perfetto per mantenere ottimi i fondamentali rapporti con l’Unione Europea. Ma pare abbiano fatto i conti senza l’oste…
È spuntato nuovamente il nome di Draghi ma, come ha detto qualcuno in rete, sarebbe come chiamare il maestro Riccardo Muti a dirigere una banda di paese. Meglio riservarlo per la prossima legislatura.

Le altre strade sono l'improbabile governo tecnico o le esecrate elezioni anticipate.
Insomma, secondo noi troveranno l’accordo per rimettere insieme i cocci della maggioranza sfasciata.
Questa è la politica. Quella italiana perlomeno.

GdM

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni