Home | Interno | Politica | Salvini rinviato a giudizio per il caso «Open Arms»

Salvini rinviato a giudizio per il caso «Open Arms»

Una pagina brutta per la storia del nostro Paese da qualsiasi punto di vista

È una brutta pagina quella scritta sulla vicenda di Salvini sulla Open Arms, alla quale ha negato l'attracco a un porto italiano.
Brutta anzitutto per la politica. Indipendentemente da ciò che ognuno di noi pensa sulla vicenda, abbiamo assistito a un governo che approva il comportamento di un ministro, per poi sconfessarlo quando esce dalla maggioranza. L’autorizzazione a procedere concessa nei confronti di un ex alleato solo perché è passato dall’altra parte è un gesto che urta la sensibilità della gente.
 
Brutta dal punto di vista giudiziario, perché vediamo formulare accuse a un ministro per atti politici. E non è unn precedente, purtroppo. La Magistratura dovrebbe stare fuori da tutto ciò. Gli elettori sanno se premiare o condannare i propri leader.
Una nave che non riesce a scaricare i naufraghi nel porto più vicino - come vogliono le leggi del mare - non deve obbligatoriamente essere accettata dalla nazione successiva.
Inoltre - mutatis mutandis – due processi analoghi che portano a due soluzioni diverse sono sempre diseducativi.
 
Brutta dal punto di vista umanitario, perché a vedere che le navi vanno a raccogliere i migranti quasi sotto costa libica, in attesa che diventino naufraghi, viene da pensare che più che di aiuti umanitari si sia trattato di fredde pianificazioni. E probabilmente con un business alle spalle, visto che lo fanno per mestiere.
 
Brutta dal punto di vista umano, perché assistere ai migranti che si mettono parte civile al processo fa pensare che non si sia trattato di fughe disperate dall’inferno africano ma di una emigrazione di interesse.
 
Infine, una osservazione giornalistica.
Da una vicenda così strampalata, chi ne uscirà vincitore sarà lo stesso Salvini, perché - comunque stiano le cose nel merito - passerà come vittima di un sistema inaccettabile.
La gente voterà Salvini per combattere il sistema..
E lo diciamo noi che non ci sentiamo vicini alla Lega di Salvini.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni