Home | Interno | Politica | Alessandro Savoi lascia l’Ufficio di Presidenza della Regione

Alessandro Savoi lascia l’Ufficio di Presidenza della Regione

E ci sono voluti dei mesi prima che prendesse la pragmatica decisione

Alla fine il consigliere provinciale Alessandro Savoi ha lasciato l’Ufficio presidenza della Regione.
Come si ricorderà, l’esimio consigliere provinciale aveva usato parole triviali nei confronti di colleghe per esprimere la propria contrarietà contro di loro.
Ovviamente si sono ribellate tutte le donne del Consiglio provinciale e non solo quelle dell’opposizione.

Savoi si era anche scusato, sperando così di poter mantenere l’incarico, ma evidentemente non aveva capito la gravità del suo comportamento.
Alla fine, sotto la pressione della maggior parte dei colleghi – maschi e femmine, trentini e altoatesini, di coalizione e di opposizione – si è dimesso.

Le considerazioni da fare sono poche, ma concrete.
La prima è che l’uomo ha fatto fatica a capire cosa aveva fatto di sbagliato. E forse tuttora considera un’esagerazione il polverone che ha provocato.
La seconda è che un consigliere provinciale rappresenta l’intera popolazione trentina e non solo i propri elettori. Ammesso che i suoi sostenitori siano fatti con lo stesso stampo, l’istituzione che rappresenta non ammette errori di questo genere.
La terza viene da sola: Savoi non dovrebbe dimettersi solo dall’incarico in presidenza ma anche da consigliere provinciale.
La quarta è che se un uomo deve usare parole del genere nei confronti delle proprie colleghe, significa che queste colleghe lo hanno battuto solennemente. Tanto di cappello alle signore.
La quinta è che l’intera faccenda dimostra che sarebbe necessaria una minima soglia culturale per entrare in Consiglio Provinciale.

GdM

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni