Home | Interno | Politica | Pacher spariglia le carte delle provinciali: «non mi ricandiderò»

Pacher spariglia le carte delle provinciali: «non mi ricandiderò»

Ma in un anno possono accadere moltissime cose, questa è solo una prima mossa

image

Quando qualche mese fa avevamo provocatoriamente intitolato il primo articolo «Trentino svegliati!» per stimolare la ricerca di una nuova leadership politica per la prossima legislatura provinciale, non pensavamo che il risveglio sarebbe stato così brusco.
Sabato 20 ottobre il vicepresidente della Giunta provinciale Alberto Pacher ha annunciato il suo ritiro dalla politica.
Le ragioni, ha detto, vanno ricondotte alla mutazione genetica del suo partito, il PD, nel quale non si riconosce più.
 
Cosa può essere accaduto?
Beh, in sostanza il suo partito si sta muovendo come se fosse dato per scontato che Pacher «non» sia il successore naturale dell’uscente Lorenzo Dellai.
Il che di per sé ci pare una soluzione responsabile, perché non c’è nulla di meno democratico della successione naturale del potere. In altre parole, le primarie avrebbero confermato la linea ereditaria fin qui conosciuta tra Dellai e Pacher.
Ma dato che l’alternativa potrebbe significare per il PD la perdita delle elezioni, Pacher ha giocato la sua carta. E ha fatto bene, perché così metterà il suo partito in condizione di guardare il faccia la realtà.
 
Cosa accadrà adesso?
Beh, anzitutto un anno è lungo da passare e questo potrebbe essere solo un primo ribaltone, magari a sua volta ribaltabile.
Certo è che nello scenario provinciale adesso il gioco è sparigliato, perché tutti i partiti si trovano in una fase dinamica difficilmente da prevedere.
La Destra è disorientata da scelte romane non certo chiare, con correnti che si stanno vestendo da partiti.
La Lega sta cercando di arroccarsi nelle regioni del Nord, mentre l’eventuale vuoto che andrebbe a lasciare verrebbe occupato dai Grillini (sono entrambi voti di protesta).
Il Centrosinistra sta rivoltandosi come un calzino sotto i colpi di maglio di un giovane Renzi, il cui gioco migliore che gli sta riuscendo è quello di mettere fuori gioco gli avversari più titolati. Magari avrà anche una fase propositiva, che adesso però non conosciamo.
Il Centro, a livello nazionale, sta diventando ricettacolo di tutti coloro che non si riconoscono più nelle coalizioni di appartenenza. Si tratta della formazione che ha più chance per la prossima legislatura nazionale, ma rischia di raggruppare ideologie tra loro incompatibili.
 
In Trentino sta emergendo il Partito autonomista, grazie alla capacità dimostrata dall’assessore Ugo Rossi che da tempo si sta rivelando come potenziale presidente provinciale prossimo venturo. Il quale è di centro.
E con l’uscita di scena di Pacher, l’eventualità di veder passare il testimone a un partito autonomista, di centro appunto, si sta facendo più concreta.
Per questo abbiamo detto che «un anno è lungo da passare». Da qui al prossimo autunno ne passerà di acqua sotto i ponti e vedremo se vinceranno i princípi o il pragmatismo.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (4 inviato)

avatar
lucio salvetti 21/10/2012
Carlo Andreotti 1993 presidente con 8 colleghi : Regione ? inizio della fine , lo dice uno nato con Dott. Enrico Pruner ...... ma , comunque sempre rispetto per la base autonomista ......
Thumbs Up Thumbs Down
0
avatar
prateriarossa 21/10/2012
ha detto che tornerà alla sua vecchia professione (dopo 30 anni):non vorrei essere suo paziente!
http://www.youtube.com/watch?v=O7j7XjFYKy8&feature=plcp
Thumbs Up Thumbs Down
0
avatar
Luciano Imp 21/10/2012
Di fronte a questa notizia se si potesse scrivere "non mi piace" lo farei volentieri. Pacher ha molte ragioni sullla vocazione maggioritaria del PD che è stata messa in ombra soprattutto se passerà il nuovo porcellum proporzionale, ma spero che non voglia dire un ritiro da tutti i ruoli politici perchè è una persona seria e onestadi cui oggi c'è veramente bisogno al di là dei rottamatori.
Thumbs Up Thumbs Down
0
avatar
gianninord 21/10/2012
Troppo comodo annunciare il ritiro con un anno di anticipo e non dimetterei immediatamente. Non possiamo permetterci due Presidenti dimissionari. Saremmo in balia di tutti i pazzi che pensano di poter fare carriera politica. Si dimetta subito, proma di Dellai, cosí chi ne avrá le capacitá e la forza potrá trovare una soluzione certa e percorribile
Thumbs Up Thumbs Down
-3
totale: 4 | visualizzati: 1 - 4

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni