Home | Interno | Politica | I Siciliani hanno votato per la Regione, ma solo il 47 percento

I Siciliani hanno votato per la Regione, ma solo il 47 percento

Vince dunque l’astensionismo e, a quanto pare, il partito Cinque stelle si afferma

Va precisato subito che lo spoglio delle schede comincerà domattina, per cui se è certa la percentuale dei votanti, i risultati sono solo delle ipotesi.
E i dati annunciano che i Siciliani hanno perso la fiducia nei propri politici, se a votare sono andati solo il 47,42%, a fronte del precedente suffragio che aveva registrato quasi il 60 percento.
 
E quelli che sono andati a votare, secondo non meglio precisate voci che si susseguono (niente exit poll), il partito ad aver ottenuto un certo risultato sarebbe il Cinque Stelle di Beppe Grillo.
Se così fosse, il significato è facilmente riconducibile alla protesta popolare.
Grillo ha fatto una campagna davvero incisiva, ma comunque si tratterebbe di un voto di protesta. Né più né meno di quello che ha rappresentato la Lega per il Nord del paese.
 
Restando nel campo delle elezioni, va segnalato che l’ex giocatore del Milan che si è candidato alle elezioni dell’Ucraina, avrebbe ottenuto solo l’1,6% dei voti.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni