Home | Interno | Politica | I dirigenti generali della Provincia si riducono lo stipendio

I dirigenti generali della Provincia si riducono lo stipendio

La Corte Costituzionale aveva giudicato illegittima la riduzione imposta dal Governo, ma loro l'hanno rifiutata. Chapeau!

image

La crisi impone scelte e comportamenti di grande responsabilità, anche personale.
E' da questa consapevolezza che si origina la decisione, comunicata stamani con lettera dai 13 dirigenti generali della Provincia al presidente Lorenzo Dellai, di rinunciare a ciò che, in base a una recente sentenza della Corte Costituzionale, sarebbe un loro diritto, ovvero la restituzione delle somme decurtate con la legge provinciale 27 del 2010 che ha recepito la corrispondente normativa statale (decreto 78 del 2010), e il ripristino del trattamento economico precedente.
 
La Giunta studierà ora la formula giuridico-contrattuale per  dar corso a questa decisione, che potrebbe estendersi anche ad altri membri della dirigenza degli enti e delle aziende provinciali.
Il presidente Lorenzo Dellai ha espresso il suo apprezzamento per un gesto «che dimostra come la nostra dirigenza sia composta non solo di persone di grandi capacità professionali ma anche dotati di senso di responsabilità nei confronti della collettività».
 
La Corte Costituzionale ha dichiarato, con la sentenza 223 dell’8 ottobre 2012, non legittima una misura assunta dal Governo nel 2010, tramite decreto legge, riguardante la dirigenza dello Stato, la quale prevedeva una decurtazione 5 per cento nella quota dello stipendio lordo annuo eccedente i 90 mila euro e fino a 150 mila euro, e una decurtazione del 10 per cento per la quota eccedente i 150 mila euro.
Lo Stato deve quindi procedere alla restituzione delle somme trattenute ai dirigenti e a disattivare il prelievo, che avrebbe dovuto avere valenza triennale, dal 2011 al 2013.
 
Anche la Provincia autonoma di Trento avrebbe dovuto attenersi alla sentenza  della Corte, avendo recepito con propria legge nel dicembre 2010 la decisione dello Stato, e quindi disapplicare la misura nazionale per quanto riguarda i suoi effetti sulla dirigenza provinciale.
Stamani tuttavia tutti e 13 i dirigenti generali, unanimemente, e con in testa il direttore generale della Provincia Ivano Dalmonego (nella foto), hanno comunicato al presidente Dellai, di avere deciso di dare un segnale di responsabilità, rinunciando quindi al rimborso delle quote già decurtate e mantenendo queste decurtazioni anche per il biennio 2012- 2013.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni