Home | Interno | Politica | «Metti per ipotesi che il Movimento 5 Stelle vinca, cosa fate?»

«Metti per ipotesi che il Movimento 5 Stelle vinca, cosa fate?»

Alcune domande ai Grillini per capire che cosa intenda Beppe con le sue filippiche

Abbiamo fatto alcune domande ai candidati del Movimento 5 Stelle per sapere che cosa intenda dire il loro leader quando esce con certe battute.
Cosa voleva dire Grillo a Milano, intimando la resa?
Cosa vuol dire Grillo quando dice «tutti a casa»? Chi sono quei «tutti»?
Metti per ipotesi che vinca, come fa a mandarli a casa?
E dopo, quando li ha mandati a casa, come intende governare?
 
Ecco che cosa ci ha risposto via email il Movimento
____________________________________________________________________________
 
«Quello che oggi viviamo sulla nostra pelle è il fallimento di un'intera classe politica. La partitocrazia si è insediata nelle istituzioni e non accetta il naturale ricambio della classe dirigente.
«Solite facce, soliti nomi e soliti programmi, proclamati con verve durante la campagna elettorale e puntualmente disattesi subito dopo le elezioni.
Questa situazione deve cambiare per il bene del Paese ed i cittadini infatti hanno deciso di sostituire a questi vecchi onnipresenti dinosauri dei giovani cittadini incensurati e liberi da legami con i partiti.
«I portavoce sono sentinelle che portano con loro la voce dei cittadini fin dentro le istituzioni, dove non arriva ormai da tempo. Visto che non sono in debito con nessuno, i portavoce avranno la libertà di fare le riforme utili alla Nazione ed ai suoi cittadini. I partiti o ciò che ne rimane potranno evolversi seguendo l'esempio oppure spariranno perché non reggeranno il confronto.»
 
Cosa voleva dire Grillo a Milano, intimando la resa?
Abbiamo riempito le piazze di tutta Italia, mentre i partiti tradizionali si riunivano in teatri ad invito privato. Abbiamo avuto centinaia di migliaia di contatti streaming su internet durante lo TsunamiTour quando loro devono piatire un passaggio sulle televisioni per essere visibili.
Si devono arrendere al fatto che i cittadini hanno girato le spalle ai tecnocrati e a coloro che hanno a cuore solo il rendiconto personale.
 
Cosa vuol dire Grillo quando dice «tutti a casa!»? Chi sono quei «tutti»?
Tutti a casa! vuol dire che dovranno andarsene dal Parlamento e dalle istituzioni, perché l'arrivo del Movimento 5 Stelle produrrà un rinnovamento totale della classe dirigente di questo paese.
Tutti sono tutti, da sinistra a destra. Da Ingroia, che non ha capito che non può rinnovarsi mettendosi capolista in mezza Italia e proponendo cariatidi trombate alle ultime elezioni, al PD che ha sconfessato le proprie primarie riservandosi i primi posti nelle liste della Camera.
Gli altri... Quali altri? Il PDL esiste più soltanto nell'idea berlusconiana di un fallimento unico, non un provvedimento utile portato a termine. I montiani schiacciati dal fallimento della Grecia, voluto dagli stessi tecnocrati che hanno imposto il suo governo.
 
Metti per ipotesi che vinca, come fa a mandarli a casa?
Grillo non manda a casa nessuno. Tutt’al più sarà il Movimento 5 Stelle a farlo. Ma non ce ne sarà bisogno, andranno a casa da soli. 
 
E dopo, quando li ha mandati a casa, come intende governare?
Con la democrazia (anche diretta). Con la partecipazione e la trasparenza. Chiedendo ai cittadini di fornire ai propri portavoce le linee per la realizzazione di una nuova Italia.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (2 inviato)

avatar
Massimiliano 21/02/2013
Evasive? Forse intendevi dire esaustive, ma se serve eccone un sunto:
1. La resa: l'attuale classe dirigente (che è la stessa da 20 anni) deve ammettere le proprie responsabilità per l'attuale situazione e assumersi il peso di ciò che ha fatto o che non ha fatto quando ne ha avuto l'opportunità

2. Chi sono "tutti": l'attuale classe dirigente: -i parlamentari che sono a Roma da più di 2-3, ma anche 4-5-6, legislature con i conseguenti presidenti delle commissioni parlamentari, -i membri degli organi di controllo CONSOB, garante della privacy, garante delle telecomunicazioni ecc...

3. "Come fare a mandarli a casa": né Grillo né i parlamentari del M5S a mandaranno a casa nessuno, saranno i cittadini a farlo per noi: non votandoli. I parlamentari del M5S invece denunceranno alle procure ogni sorta di illecito di cui verranno a conoscenza e la giustizia farà il resto. La fede nella giustizia è solida per i M5S che mai e poi mai (a differenza di altri partiti come la lega) ha ricorso o ha anche solo minacciato di ricorrere (come la lega e i suoi fucili kalashinikov) alla violenza come metodo

4. "Come intende governare": come qualsiasi forza di governo che si rispetti (lo so è un concetto sconosciuto perché in Italia è da molto che non ne vediamo una) cioè: mantenendo la fiducia del parlamento portando avanti i punti del programma http://www.beppegrillo.it/iniziative/movimentocinquestelle/Programma-Movimento-5-Stelle.pdf il quale gli elettori hanno già letto e approvato prima di votare M5S.

Spero di essere riuscito a fugare le sue preoccupazioni di scope e c***i amari.
Thumbs Up Thumbs Down
0
avatar
prateriarossa 21/02/2013
domande intelligenti e solite risposte evasive.
Li cacceranno con le scope come han fatto i leghisti o come se nessuno se ne andrà spontaneamente?
Prevedo C****i Amari!
Dal dire al fare c'è di mezzo "l'accordo".
Thumbs Up Thumbs Down
-3
totale: 2 | visualizzati: 1 - 2

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni