Home | Interno | Politica | Di Maio ha lasciato la guida politica del Movimento 5 Stelle

Di Maio ha lasciato la guida politica del Movimento 5 Stelle

Ha accusato gli amici che lo hanno «accoltellato nella schiena» ma è certo che il movimento tornerà agli antichi splendori

Come anticipato stamattina, il leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio ha lasciato la guida politica del partito.
In un breve discorso rivolto ai suoi collaboratori più fedeli, ha ammesso che il movimento va rifondato, ma «è certo che è lontano dall’essere finito».
Ha accusato più i «traditori» che gli oppositori, dicendo che i nemici più pericolosi sono quelli che non si vedono, che «stanno nelle retrovie e vengono al fronte solo per accoltellarti alla schiena».
Questo «J’accuse!» può essere visto in più modi.
Anzitutto chi comanda da solo deve anche prendersi le sue responsabilità quando le cose vanno male. Di Maio ha fatto così, ma ha anche accusato coloro che - pensandola diversamente da lui - lo hanno tradito.
 
Ma la fuga dei parlamentari dal partito ricorda un po’ i topi che abbandonano la nave quando sta per affondare.
Anche oggi due senatori se ne sono andati dal Movimento. La maggioranza si assottiglia, ma con ogni probabilità non metterà in minoranza il governo perché significherebbe andare a elezioni anticipate e per la maggior parte del Pentastellati l’avventura sarebbe finita.
Lo stesso Conte ha affermato che «nulla inciderà sul governo», però è chiaro che ha preso un po’ le distanze anche lui dal movimento, guardando più da vicino i democratici.
Di Maio ha anche accusato i suoi parlamentari di non aver difeso a spada tratta i sindaci che si sono trovati in difficoltà. Ma c’è poco da difendere in un’amministrazione come quella della Raggi.
 
Purtroppo ha ragione Berlusconi ad affermare che il M5S è allo sbando proprio per la dimostrazione di incompetenza data dai loro leader.
Forse la «rifondazione» prevista per metà marzo potrà risollevare un po’ le sorti del movimento, ma ormai il bluff è finito.
In attesa degli «Stati generali» che eleggeranno la nuova classe dirigente (nella quale con ogni probabilità ci sarà anche Di Maio) ha assunto la reggenza politica il senatore Vito Crimi, ora vice ministro dell’Interno.
E non è che con lui migliorino le cose, perché Crimi è lo stesso che quando era sottosegretario alla Presidenza del Consiglio voleva far chiudere Radio Radicale e cancellare l’Ordine dei Giornalisti.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni