Home | Interno | Rovereto | Teatro, a Rovereto esordisce «Scenario Trentino»

Teatro, a Rovereto esordisce «Scenario Trentino»

Primo appuntamento il 25 novembre con «Pandora non aprire quel vaso!»

image

 
Sarà lo spettacolo di Multiversoteatro Pandora non aprire quel vaso! a inaugurare giovedì 25 novembre al Teatro Zandonai di Rovereto la nuova rassegna teatrale Scenario Trentino.
Voluta dal Comune di Rovereto insieme al Coordinamento Teatrale Trentino, la rassegna Scenario Trentino intende creare uno spazio comune nel teatro della città dedicato alle compagnie teatrali e ad attori, registi e drammaturghi del Trentino.
Faranno parte di Scenario Trentino le produzioni più recenti della scena contemporanea locale, ad alcune delle quali la pandemia ha impedito lo scorso anno debutti già programmati o la possibilità di completare la rappresentazione dello spettacolo.
 
Dal 25 novembre, Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne che sarà celebrata con il primo degli appuntamenti in programma, fino al 16 marzo, si susseguiranno sul palcoscenico del Teatro Zandonai otto spettacoli di altrettante realtà professionali, artisti e artiste del territorio.
Un pensiero inclusivo andrà anche alle famiglie, con la proposta di un grande classico del Natale destinato ai bambini e alle bambine, e alle scuole, che potranno assistere ad alcuni degli spettacoli in programma.
Dopo Pandora non aprire quel vaso! saranno presentati gli spettacoli Bunker. Un’ombra su cui porre luce di Collettivo Clochart/Progetto Psychaché, Jacques e il suo padrone di Emit Flesti, Il famoso canto di Natale de I Teatri Soffiati, La grande nevicata dell’85 di Arditodesìo, Left(L)over di Scenari improvvisi/La Petite Mort Teatro/Evoè!Teatro, La finestra/Das Fenster di Sagapò Teatro/Collettivo Soma e Segantini. Paesaggi di luce di AriaTeatro.
 

 
Giovedì 25 novembre alle 20.30, in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, andrà dunque in scena la nuova produzione di Multiversoteatro Pandora non aprire quel vaso!, tratto da Mitiche.
Storie di donne della mitologia greca di Giulia Caminito (La nuova frontiera, 2020), con Benedetta Conte e Michela Embrìaco a dare voce e corpo a Pandora, Penelope, Aracne, Arianna e Medea, che accompagneranno il pubblico «nelle storie di loro bambine, per mare, nei palazzi, nelle stanze più nascoste».
Lo spettacolo, diretto dalla stessa Michela Embrìaco, è curato nella scenografia e nei costumi da Giusi Campisi, mentre la partitura luci è di Mariano De Tassis e la musica originale di Carlo Casillo.
 
Pandora, la prima donna che Zeus regala agli uomini per punirli della colpa di Prometeo non è solo colei che ha portato la sventura nel mondo, ma la ragazza che vuole conoscere e che riesce a trovare, sul fondo del peggiore dei vasi, un dono più prezioso dell’immortalità.
Aracne, la giovane donna che con tracotanza sfidò la dea Atena e venne punita, altri non era che una fanciulla che aveva un talento in cui credeva.
Lo spettacolo dà voce a queste donne mitiche che prendono corpo dallo spessore di una narrazione che le rende vive e attuali. In queste donne, ragazze, maghe, streghe possiamo rispecchiarci, vedere l’origine di molti volti del femminile e degli stereotipi nei quali queste figure sono rimaste imprigionate per secoli.
 
I biglietti – intero 8 euro e ridotto 5 euro – sono acquistabili online sul sito www.primiallaprima.it, oppure presso la cassa del teatro a partire dalle 19.30 del giorno dello spettacolo.
Informazioni: Ufficio Cultura Comune di Rovereto, 0464.452256/368, turismo@comune.rovereto.tn.it; Coordinamento Teatrale Trentino, www.trentinospettacoli.it.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni