Home | Interno | Rovereto | Doppelgänger va in scena a Rovereto venerdì 8 aprile

Doppelgänger va in scena a Rovereto venerdì 8 aprile

Allo Zandonai lo spettacolo vincitore del Premio Ubu 2021, con Francesco Mastrocinque, attore con disabilità, e Filippo Porro, danzatore

image

>
Il doppio, la dualità come differenza, l’opposto che dà origine al mistero: Doppelgänger - ultimo lavoro della Compagnia Abbondanza/Bertoni, in una co-produzione con Nerval Teatro e Armunia Festival InEquilibrio - parla e dà forma all’incontro tra i corpi dei due interpreti, Francesco Mastrocinque, attore con disabilità, appartenente all'esperienza del Laboratorio Permanente di Nerval Teatro e Filippo Porro, danzatore.

Vincitore del Premio Ubu 2021 come miglior spettacolo di danza, il lavoro firmato da Michele Abbondanza, Antonella Bertoni e Maurizio Lupinelli arriva a Rovereto, all’interno della programmazione del Comune di Rovereto, al Teatro Zandonai, venerdì 8 aprile alle 20.30 recuperando la data dello scorso 8 febbraio, quando lo spettacolo non era potuto andare in scena per ragioni legate alla situazione sanitaria.
 
Doppelgänger rappresenta la «prima volta» di una collaborazione tra due nuclei artistici differenti, che si incontrano nel solco tra arte e diversità e si fonda su una forte relazione tra i due straordinari interpreti: «Fin dai primi giorni - raccontano gli autori - abbiamo cercato di cogliere nello sguardo dei due interpreti il loro riconoscersi, restando in ascolto di questo rapporto germinale. In maniera naturale l’azione scenica ha preso vita attraverso un processo di relazione quasi esclusivamente mediato dai loro corpi».

Mastrocinque e Porro portano in scena un ossimoro in danza: due corpi allo stesso tempo uguali e diversi che cercano sulla scena l'origine dell’esistenza, si riconoscono, si abbracciano, cercando la cellula che li lega. Due esseri primati, ai loro primi passi che scelgono di stare vicini in un percorso tra gesti e sguardi, tra piccole e grandi tenerezze, tra beffardi e spietati tradimenti. Due funamboli tra la vita e la morte, tra la caduta e il volo, abitando le loro forme nella fragilità della sospensione.
 
Ma la serata teatrale di Rovereto inizia l’8 aprile alle ore 19, all’Auditorium Melotti, dove in scena ci sarà Fuck Me(n) di Evové! Teatro, spettacolo realizzato con il sostegno del Centro Servizi Culturali S. Chiara. Per chi vorrà partecipare a entrambi gli spettacoli è prevista una scontistica direttamente alle biglietterie dei teatri.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande