Home | Interno | Rovereto | «Orti sociali» in località Baldresca a Rovereto

«Orti sociali» in località Baldresca a Rovereto

Saranno destinati nuovi spazi dedicati a progetti nell'ambito del sociale a Rovereto

image

La Giunta Comunale ha approvato nella seduta di oggi la convenzione che prevede l'assegnazione con canone agevolato di un terreno di proprietà comunale situato in località Baldresca all'associazione Pensione Viva e alla Fondazione Famiglia Materna.
Nei mesi scorsi sono stati compiuti alcuni interventi che hanno bonificato e reso disponibile questa porzione di terreno, prima incolta, e l'hanno resa adatta alle attività che ospiterà da oggi in avanti.
Il terreno in oggetto ha una metratura complessiva di 1.775 mq.
 
L'iniziativa è stata presentata oggi nel corso di una conferenza stampa.
Presenti il vicesindaco di Rovereto Gianpaolo Daicampi, la presidente dell'associazione Pensione Viva Maria Ida Robol e Anna Michelini, direttrice della Fondazione Famiglia Materna, insieme a diversi collaboratori impegnati nei progetti.
 
Il terreno sarà suddiviso in due porzioni, assegnate rispettivamente ai due soggetti, che si occuperanno ora della gestione e della manutenzione dello stesso.
L'associazione Pensione Viva gestisce già alcuni altri spazi sul territorio comunale nei quali i pensionati possono fare richiesta per avere a disposizione alcune porzioni di orto, un modo per mantenersi in attività, avere dei momenti di socialità, mettere a frutto le proprie competenze e coltivare ortaggi per sé e la propria famiglia.
Uno di questi spazi confina con l'area che oggi viene consegnata.
Per questo la concessione consentirà all'associazione di ampliare l'area destinata ad orto e rispondere così alle numerose richieste presentate dai pensionati.
 
La restante parte del terreno è affidata alla Fondazione Famiglia Materna per l'avvio del progetto di orto sociale che coinvolgerà alcuni nuclei familiari al momento in situazione di difficoltà o disagio sociale, ospitati dalla Fondazione.
Sarà attivato, inoltre, con la partecipazione di alcune donne con difficoltà di accesso nel mondo del lavoro che attualmente partecipano al centro occupazionale «Le Formichine», un progetto di coltivazione di piante aromatiche e officinali.
 
La fondazione si avvale della collaborazione del Centro Servizi Volontariato e dell'associazione di promozione sociale DxD.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
simona 17/07/2013
Sono contenta della vostra iniziativa.Pensare che per via informale avevo proposto al Comune di ideare degli orti familiari per le famiglie numerose con la preziosa collaborazione degli anziani.Cordialmente Simona.
Thumbs Up Thumbs Down
0
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni