Home | Interno | Rovereto | Le aziende della Vallagarina aprono ai giovani in cerca di lavoro

Le aziende della Vallagarina aprono ai giovani in cerca di lavoro

Il progetto era aperto ai giovani dai 16 ai 30 anni: vi hanno aderito in 94, di cui circa la metà disoccupati e il restante studenti

image

>
Quindici. Sono 15 le aziende della Vallagarina che hanno deciso di aprire le porte ai giovani che cercano di trovare il loro futuro lavorativo.
Si va da ditte presenti il 155 paesi del Mondo come la Novartis a eccellenze di nicchia come la Alps'Bow che produce archi simili a opere d'arte o la Double di Brentonico che produce ferri di cavallo esportandoli in Inghilterra e Stati Uniti.
Alla base dell'idea c'era la volontà di creare un ponte di conoscenza tra i luoghi della produzione e i giovani che cercano lavoro. È nato così Focuslavoro, un progetto fortemente voluto dalla Comunità della Vallagarina, il Centro per l'impiego di Rovereto, i cinque piani giovani lagarini (Rovereto, Alta Vallagarina, Ambra, valli del Leno, Destra Adige) e Trentino Sviluppo.
 

 
Nella sede di Trentino Sviluppo si è svolto un incontro di presentazione e organizzazione delle visite sul territorio.
Erano presenti: presidente della Comunità della Vallagarina Stefano Bisoffi, Paola Garbari responsabile dei Centri per l'impiego della Provincia di Trento, Luisa Widmann di Agenzia del Lavoro, Walter Miorandi responsabile del Centro per l'impiego di Rovereto, Michele Stinghen del Piano Giovani Alta Vallagarina e Michele Tosi di Trentino Sviluppo.
L'idea punta a offrire ai giovani l'opportunità di conoscere le ditte locali e comprendere quali profili occupazionali cercano, perché uno degli aspetti più critici del mercato del lavoro è la mancanza di conoscenza diretta del sistema produttivo e delle figure professionali impiegate.
 

 
E al contempo si verificano spesso difficoltà da parte delle aziende a trovare sul territorio professionalità adeguatamente formate e preparate per ricoprire specifiche necessità.
Le aziende che si sono rese disponili sono: Almec S.R.L. , Alps' Bow Production di Poletti Celestino, Cantina Mori Colli Zugna, CAPI Group S.R.L., CBA Group, Double «S» Srl, Distilleria Marzadro, Meccanica Cainelli srl, Metalsistem S.p.A., OPT SurgiSystems S.R.L, PAMA S.P.A., Salvadori s.r.l., Novartis, TWT S.r.L.
L'invito dunque è di considerare queste visite come un investimento sul proprio futuro.
«È un percorso in cui crediamo – ha detto il presidente della Comunità Stefano Bisoffi – e sul quale intendiamo investire anche per il futuro.»
I giovani che hanno aderito al progetto sono 94, di cui circa la metà disoccupati e il restante studenti (il progetto era aperto ai giovani dai 16 ai 30 anni).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni