Home | Interno | Rovereto | Coro S. Ilario: Guerra di Pace in Memoriam 1918 – 2018

Coro S. Ilario: Guerra di Pace in Memoriam 1918 – 2018

Evento musicale al Colle di Miravalle il 25 agosto 2018

image

Foto Florio Badocchi.
 
Come ormai a tutti è noto con il 2018 si concludono le iniziative dedicate al centenario della Grande Guerra.
Il coro S. Ilario 5 anni fa aveva dato avvio al proprio impegno con lo spettacolo multimediale-musicale «1914 Terra di nessuno», la storia di un giovane contadino trentino suddito del regno austroungarico chiamato sul fronte russo in Galizia per combattere una guerra inutile e fratricida.
Si sono susseguiti poi varie eventi musicali con contaminazioni varie sia di tipo musicale, come il fisarmonicista Renzo Ruggieri o teatrali come i ragazzi del Reading Lab di Annalisa Morsella e Alessio Dalla Costa, l’attore Michele Comite, la scrittrice Antonia Dalpiaz.
 
Canti, letture teatralizzazioni, luoghi diversi come il Trincerone sul Monte Zugna, Forte Pozzacchio, il Parco della Pace sempre sul Monte Zugna, il Castello di Rovereto.
Tutti gli eventi hanno sempre avuto un forte impatto sul pubblico sempre numeroso ed attento alla tematica in cui cercando di fare memoria si è sempre voluto farla coincidere con il presente.
Per la chiusura del Centenario il coro S. Ilario ha scelto di condividere un percorso legato al Milite Ignoto a quei soldati e ai civili di cui le famiglie non hanno un luogo su cui piangere e ricordare il proprio caro. 
 

 
Quale luogo migliore per testimoniare e raccontare questo se non hai piedi di Maria Dolens, la Campana dei Caduti, a Rovereto, fusa con il bronzo dei cannoni delle nazioni belligeranti che ogni sera con i suoi rintocchi ricorda i morti di tutte le guerre, ma anche il sagrato del Duomo di Aquileia dove Maria Bergamas, madre di un Milite Ignoto, scelse la salma del Milite Ignoto tra le dodici salme portate ad Aquileia raccogliendole sui cimiteri dei vari fronti.
L’idea nasce dall’incontro con il maestro Marco Somadossi, roveretano di nascita e direttore della Banda Giovanile Anbima del Friuli Venezia Giulia.
 
Saranno oltre 150 i ragazzi dagli undici ai diciotto anni che, dopo le esperienze concertistiche a Redipuglia e al Verano a Roma, venerdì 24 agosto, con inizio alle 20.45, assieme al coro S. Ilario attraverso la musica ricorderanno e testimonieranno la fine di una grande tragedia che colpì il mondo intero ma che purtroppo a distanza di cento anni poco ha insegnato visto ancora gli innumerevoli conflitti sparsi per il mondo.
Assieme ai due sodalizi collaboreranno la soprano umbra Sara Cresta e la lettrice trentina Simonetta Gabrielli.
L’appuntamento di Rovereto sarà presentato da Bruno Vaccari.
Il concerto ad Aquileia si terrà il giorno seguente, sabato 25 agosto alle ore 21.00 in piazza Capitolo sul sagrato della Basilica di S. Maria Assunta.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni