Home | Interno | Rovereto | Convegno sulle scritture di guerra in Trentino e Sudtirolo

Convegno sulle scritture di guerra in Trentino e Sudtirolo

L’appuntamento di due giorni alla Fondazione Caritro di Rovereto è assoluta novità

image

>
Un significativo appuntamento che punta a guardare ed analizzare gli accadimenti legati alla Prima guerra Mondiale con un’ottica nuova attraverso diari e memorie provenienti dalle aree non direttamente coinvolte nei combattimenti, ancora abitate da popolazione non evacuata ma sottoposta a rigidi controlli politico-amministrativi, costretta a sopportare continui prelievi di risorse, priva di prospettive, con scarso cibo, in misera e senza speranza.
È questo, in sintesi, l’obiettivo del Convegno Cronache dalla guerra in casa. Scritture dal Trentino e dal Tirolo 1914-1918 che giovedì e venerdì vedrà oltre venti relatori a confronto nella Sala Conferenze Fondazione Caritro, in Piazza Rosmini 5 a Rovereto.
 
Aperto a tutti e in particolare ai docenti della Provincia autonoma di Trento (per i quali vale come aggiornamento professionale - iscrizione al numero telefonico +39.0464.488041 o per mail didattica@museodellaguerra.it), il Convegno è organizzato dal Museo Storico Italiano della Guerra in collaborazione con l’Accademia Roveretana degli Agiati, dalla Fondazione Museo storico del Trentino e da Tiroler Geschichtsverein, con il contributo della Provincia autonoma di Trento.  
 

 
Come hanno spiegato stamani Alberto Miorandi e Camillo Zadra (presidente e direttore Museo della Guerra), Stefano Ferrari (presidente Accademia degli Agiati), lo storico Fabrizio Rasera e Oswald Mederle (vicepresidente della sezione di Bolzano del Tiroler Geschichtsverein), l’appuntamento intende innanzitutto offrire un largo censimento di «cronache» (diari, libri di famiglia, album fotografici, lettere private e pubbliche, memorie) redatti nel Trentino non evacuato e posto dietro le linee del fronte e nel contempo rilevare la complessità documentaria di quegli «sguardi».
  
Come detto, il Convegno è dedicato alle cronache relative al Trentino e al Tirolo negli anni della Prima guerra mondiale.
E mentre in Trentino vi è una ricca bibliografia – o almeno importanti studi anche se in molti casi di circolazione prettamente locale e che proprio grazie al Convegno potranno trovare dignità e diffusione provinciale – in Sud Tirolo si registra una lacuna in questo ambito. In tale senso sono di grande importanza le relazioni che verranno proposte, tra le altre, da Elfriede Perathoner (Fame a carestia in Val Gardena | Cronaca di Filomena Prinoth - Moroder) e da Brigitte Strauss (Masi senza uomini | Donne e guerra nel Sudtirolo rurale), incentrate proprio sulla situazione in Alto Adige. 


 
Alle numerose testimonianze di chi per scelta o per costrizione abbandonò le città e le valli del Trentino (profughi e combattenti e fuorusciti), si sono aggiunte, scoperte e studiate perlopiù in questi ultimi anni, quelle di coloro che rimasero a vivere nelle proprie comunità anche dopo l’apertura del fronte meridionale.
Le «cronache» di donne e di uomini, di diversa estrazione sociale e che ricoprivano differenti ruoli nella società trentina, descrivono, con l’immediatezza dell’esperienza patita, le privazioni, le requisizioni, il rigido controllo dei consumi, la militarizzazione della vita civile, la progressiva soggezione politica.
E registrano poi la «guerra in casa»: lo stanziamento di truppe, i campi dei prigionieri, l’occupazione militare italiana, bombardamenti e rovine.

Saranno proposte e analizzate cronache scritte da donne (che evidenziano i problemi economici e della vita quotidiana anche nelle lettere scritte ai mariti in guerra), da parroci, frati, maestri, civili militarizzati, (che se pur indirettamente toccano anche il tema dei prigionieri russi in Trentino), di funzionari, medici e sindaci, e delle cronache giornalistiche, se pur scarne, del giornale «il Risveglio austriaco».
Di fatto non la conclusione di un percorso ma al contrario l’inizio di un grande lavoro di censimento e di analisi di documenti legati alla Prima Guerra Mondiale, sinora mai affrontati in maniera organica.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone