Home | Interno | Rovereto | A Brentonico per gli incontri «Gli Oracoli del sabato»

A Brentonico per gli incontri «Gli Oracoli del sabato»

Sabato 9 febbraio 2019 alla Biblioteca comunale la ricostruzione storica «Manifattura Tabacchi 1854-2008» dall'Impero al Regno d'Italia

image

>
«Manifattura Tabacchi 1854-2008» è il titolo de «Gli Oracoli del Sabato» di sabato 9 febbraio 2019 ad ore 17.00 presso la Biblioteca comunale di Brentonico.
Della storia e delle tante storie della Kaiserlich und königlich Tabakfabrik, Imperial Regia Manifattura d'Austria Ungheria - poi, con l’annessione dei territori irredenti al Regno d’Italia, Manifattura Tabacchi di Rovereto - ne parleranno Massimino e Marco Giovanazzi, dipendenti brentegani dell’opificio negli ultimi decenni della sua attività fino alla chiusura.
La costruzione di un «sigarificio» a Sacco fu decisa nel 1851 come nuova opportunità per l’economia roveretana e lagarina a seguito della prossima realizzazione della ferrovia del Brennero, che avrebbe spogliato Sacco del suo storico ed operoso porto fluviale.
 

 
Impiegava soprattutto manodopera femminile, le cosiddette «Zigherane», che favorirono un miglioramento economico per tutta la popolazione e un processo di emancipazione femminile unico nella Provincia di Trento (basti ricordare la Banca di Mutuo Soccorso ed il primo asilo nido aziendale del Trentino a partire dal 1924).
Diventata grande industria nel Novecento – il maggior datore di lavoro trentino – grazie ad innovative tecnologie e macchinari di fattura statunitense vede prevalere la produzione di sigarette rispetto a quella dei sigari, famosi i Virginia, e dei trinciati.
 

 
La meccanizzazione dei processi produttivi determinò una diversa distribuzione numerica dei dipendenti a favore dei maschi.
Fino agli anni Sessanta del Novecento la Manifattura Tabacchi di Rovereto utilizzava, con punte fino al 70 per cento, tabacco coltivato nelle campagne della Vallagarina (in particolare di Mori, Ala, Brentonico).
L’attività della Manifattura fu definitivamente chiusa il 31 marzo del 2008.
 

 
In particolare degli ultimi anni di attività e delle vicende della chiusura dello storico opificio parleranno Massimino e Marco Giovanazzi; quest’ultimo, quale segretario della CISL aziendale, si profuse molto per salvaguardare i diritti degli ultimi lavoratori.
Nel corso dell’incontro saranno anche proiettati due cortometraggi storici: uno riguardante la coltivazione del tabacco nelle nostre zone e la sua lavorazione nelle «màsere» e l’altro sui processi produttivi interni della Manifattura. Ingresso libero e gratuito.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone