Home | Interno | Rovereto | «L’Italia tra Europa e Africa: quale futuro?»

«L’Italia tra Europa e Africa: quale futuro?»

Se ne è parlato con l'on. Mario Raffaelli martedì 12 marzo al Lions Club Rovereto Host

image

>
Serata molto partecipata e di grande interesse quella vissuta dal Lions Club Rovereto Host questo martedì 12 marzo.
Un tema di grandissima attualità – «L’Italia tra Europa e Africa: quale futuro? » – affrontato con lucidità e chiarezza da un ospite di riconosciuta assoluta competenza.
Chi meglio dell’on. Mario Raffaelli, infatti, conosce l’Africa di oggi e di ieri? L’Africa che ha frequentato quando è stato Sottosegretario agli Affari Esteri di tre governi diversi.
Sia quale rappresentante del Governo italiano nelle trattative fra il Governo del Mozambico e la Resistenza mozambicana che quale Presidente della Conferenza di Pace per il Nagorno-Karabakh.
 
Quell’Africa che conosce, e aiuta, in qualità anche di Presidente di Amref, la più grande organizzazione sanitaria no profit presente nel continente nero.
Più di ogni altra nazione europea l’Italia è interessata ad un’evoluzione positiva del continente africano, sia per cogliervi le opportunità di un grande mercato sia per limitare i rischi che potrebbero derivare da traffici illeciti e dal terrorismo.
Raffaelli ha permesso ai presenti di conoscere di più quel continente e comprendere meglio le possibili strategie italiane, ma soprattutto europee, verso l’Africa stessa.
Un continente dalle più diverse situazioni, sia politiche che economico-sociali, che oggi conta già un miliardo e trecento milioni di abitanti, ma destinati con questo ritmo demografico a divenire due miliardi e quattrocento milioni già nel 2030.
 
È improrogabile una politica internazionale che favorisca, con importanti investimenti infrastrutturali e aziendali, un progressivo sviluppo sociale dell’Africa.
In particolare da parte dell’Occidente, con l’Europa e quindi anche l’Italia in prima fila.
Questo anche per frenare l’espansionismo cinese, non sempre positivo per le genti africane.
Per Raffaelli, in sintesi, politica economica e solidarietà devono operare lungo un unico binario di collaborazione.
L’emigrazione verso Italia e Europa potrà diminuire, ma non cesserà. Ecco quindi che diviene necessario mettere in campo una più seria politica dell’accoglienza e dell’integrazione.
 
Italia e l’Europa hanno le risorse, le capacità imprenditoriali e le strutture per poterlo fare con efficacia e dignità verso le persone che ci chiedono una vita migliore.
È una sfida che non possiamo perdere, pena il crearsi di uno sviluppo sbilanciato ed iniquo, che potrebbe mettere in moto reazioni e azioni pericolose per la pace nel mondo e nell’area del Mediterraneo in particolare.
Molte le domande poste all’on. Raffaelli, sempre significative e stimolanti le sue risposte, per una serata che ha certamente soddisfatto tutti i Soci e i molti ospiti presenti.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone