Home | Interno | Rovereto | Rovereto, interventi nell’areale del Follone e spazi limitrofi

Rovereto, interventi nell’areale del Follone e spazi limitrofi

Si tratta di un passo significativo verso la definitiva riqualificazione dell’intera zona

Preceduta da una lunga storia di contatti, trattative, proposte con gli inquilini (ditte artigianali) che insistevano negli spazi, la demolizione degli edifici del Follone scatta a giorni.
Si tratta di un passo significativo verso la definitiva riqualificazione dell’areale del Follone.
Dopo aver condotto un certosino lavoro di contatti tra tutti gli attori coinvolti, nel corso delle giornate 24 e 25 maggio si procederà alla disposizione della cartellonistica stradale e di cantiere ovvero con la fase informativa del cantiere.
 
A partire dal giorno 27 maggio sarà approntato il cantiere volto alla demolizione della parte est dell’edificio a stecca ubicato nel centro del piazzale Follone ed identificato dalla p.ed. 1282 C.C. Rovereto.
Seguiranno opere di verifica e smontaggio di alcune componenti edilizie per poi proseguire nell'arco della prima decade di giugno con l'intervento demolitorio completo.
Si calcola che le opere richiederanno circa 40 giorni, salvo imprevisti e quindi trovare conclusione entro la prima decade di luglio.
A seguito della demolizione si prevede la collocazione di nuovi stalli per il parcheggio delle auto nella misura di circa 20 unità.
 
Successivamente nel corso dell'estate si procederà alla demolizione dell'edificio ubicato in prossimità di via Saibanti (p.ed. 1283 C.C. Rovereto) per poi proseguire con la demolizione dell'edificio prossimo a via Canestrini (p.ed. 174 C.C. Rovereto).
Al termine delle demolizioni il comparto del Follone ospiterà un quantitativo di stalli maggiorato rispetto all'attuale di circa 130-140.
Tutto ciò trova poi giustificazione in una logica di riqualificazione globale che ha visto la Giunta impegnata fin da inizio mandato e che si innesta anche con il piano di sicurezza della città dai fenomeni estremi del clima.
 
Non va infatti dimenticato che Novareti Spa ha portato a termine proprio al Follone un’opera pionieristica (il dispersore delle acque) e sta effettuando lo spostamento delle sue reti.
Tutto questo consentirà di affrontare la tematica attinente la realizzazione di un parcheggio interrato potendo contare delle dovute infrastrutturazioni primarie, già ultimate.
Nel corso dell'estate troverà altresì realizzazione lo spazio a destinazione ludico-sportiva a servizio della comunità e che sarà ubicato in prossimità dell'areale adiacente al convento di Borgo Santa Caterina ed al collegamento ciclopedonale tra l’areale del Follone e Borgo Santa Caterina.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone