Home | Interno | Rovereto | Reti telefoniche: le sfide di Mrk passano da Polo Meccatronica

Reti telefoniche: le sfide di Mrk passano da Polo Meccatronica

L’incubatore hi-tech di Trentino Sviluppo scelto perché ecosistema fertile e per la collocazione «ponte» tra Italia e Germania

image

>
Una decina i dipendenti tra ingegneri, architetti, progettisti, esperti di software. In Polo Meccatronica a Rovereto è attiva la sede italiana di Mrk, importante gruppo tedesco, con oltre 200 dipendenti, specializzato in tecnologie per le telecomunicazioni.
La sigla, che rimanda alle iniziali dei cognomi dei tre fondatori tedeschi, negli anni settanta in Germania, è oggi sinonimo di sviluppo di reti telematiche.
Tra i principali clienti vi sono le principali compagnie telefoniche tedesche e italiane.
In arrivo altre due sedi italiane e sempre più promettenti sono i mercati balcanico, degli Emirati Arabi, indiano e sudamericano.
L’azienda è specializzata nella costruzione di opere di pubblica utilità per l'energia elettrica, il traffico, i trasporti e le telecomunicazioni.
Il futuro è lo sviluppo della rete 5G.
 
Gli schermi dei computer mostrano planimetrie di impianti e collegamenti.
Al secondo piano dell’edificio C al Polo Meccatronica di Rovereto si progettano reti telematiche.
Sono le strade del futuro, quelle che collegano il mondo in via digitale. Progettazione di antenne, impianti, centraline per segnali e connessioni sono il pane quotidiano del team di Mrk a Rovereto.
«Ci occupiamo di trasporto, traffico, traffico telematico, telecomunicazioni e network in ambito energetico, – spiega il presidente del gruppo internazionale, Peter Heinrich Hartmann. – Nel Nord Italia ci sono buone opportunità.
«Abbiamo cominciato qui a Rovereto per l’ottima posizione, le opportunità di networking e le infrastrutture di Polo Meccatronica ma nei prossimi due anni cresceremo anche in Puglia e nel Centro Italia, in zona Roma, dove abbiamo in programma la nostra seconda e terza sede italiana.»
 

 
«Da noi lavorano una decina di persone tra ingegneri, informatici, architetti, geometri – spiega Luis Manzana, direttore tecnico di Mrk Group a Rovereto – ma anche strutturisti ed esperti di Gis, sistemi informativi territoriali.
«Dialoghiamo con spin-off e nuove realtà di ricerca insediate qui, per partecipare insieme a gare europee.
«Stiamo già attivamente lavorando allo sviluppo della tecnologia 5G, e abbiamo contratti con i grossi gestori telefonici italiani e le sette sorelle internazionali delle telecomunicazioni.
«Ma siamo impegnati anche sulle reti fisse, la fibra ottica e siamo consulenti di comuni, province e regioni per le smart cities e le smart road, con app e sistemi che migliorano la mobilità e i servizi».
 
Per l’immediato futuro Mrk Rovereto si è concentrata sul mercato sudtirolese e della Germania del Nord: «In Alto Adige stiamo allacciando i primi contatti della fibra – aggiunge Giulio Castagnini, vicepresidente di Mrk – e puntiamo al Nord della Germania, dopo essere già stati protagonisti in Baviera e Baden Württenberg, dove stiamo lavorando sia in campo telefonico che della mobilità (ticketing, app)».
Dopo la sede ponte di Rovereto, Mrk è pronta ad allargarsi in Italia con altre sedi in Puglia e nel circondario di Roma.
«Il mercato dell’impresa è davvero globale. Stiamo puntando su Repubblica Ceca, Balcani, Grecia, Albania, Kosovo – conferma Hartmann – e fuori dall’Europa sull’Azerbaigian, sugli Emirati Arabi, Dubai e il Qatar.
«Ma anche l’India, il Perù, la Bolivia hanno bisogno delle nostre infrastrutture di telecomunicazione.
«Eravamo presenti anche in Iran, ma da qualche anno c’è l’embargo.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni